Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina-Lanciano, le pagelle di Strill.it

Calcio – Reggina-Lanciano, le pagelle di Strill.it

FACCHIN 5.5 – Si arrende alla sassata di Mammarella, rischia l’autogol su un corner battuto dal terzino sinistro di Gautieri. Dà segnali di prontezza nella ripresa su un paio di conclusioni dalla distanza.
ADEJO 6 – Il migliore del pacchetto arretrato. Parte da terzo a destra, finisce da terzino con una sgroppata che strappa applausi.
ELY 6 – Diciannove anni, grande personalità. Regge bene il confronto fisico con Fofanà.
BERGAMELLI 5,5 – Un pò in difficoltà nel primo tempo, si arrangia come può fermando un contropiede e rimediando un giallo. Nella ripresa viene sollecitato meno.
MELARA 5 – La benzina dura un’ora, in cui, tra l’altro, si vede pochissimo.
(dal 65′ BARILLA’ 5,5 – Non entra nel vivo del gioco, ma sarebbe stato difficile per chiunque in una fase in cui la squadra, presa dal dover recuperare il risultato, più che al fraseggio badava a cercare affannosamente di arrivare nell’area di rigore avversaria).
RIZZO 4 – Inspiegabile l’intervento su Fofanà che gli costa il rosso diretto al 93′, la squalifica e gli farà mantenere lo status di diffidato al rientro.
ARMELLINO 5 – E’ una Reggina che ha poca capacità di verticalizzazione, neanche lui, in tal senso, offre un contributo che permetta di invertire la rotta.
RIZZATO 5,5 – Quasi mai servito sulla corsa, spesso è già chiuso quando si tratta di mettere in mezzo dei palloni che raramente si rivelano precisi ed efficaci. Si procura il rigore non realizzato da Ceravolo.
SARNO 5,5 – E’ l’unico che accende la luce (vedi servizio in profondità per Ceravolo allo scadere del primo tempo) fino a quando la lucidità lo assiste.
(74′ VIOLA 6 – In poco più di un quarto d’ora sfodera un tirocross che rischia di diventare un assist vincente per Comi e una conclusione che finisce sul palo. E’ il più pericoloso tra gli attaccanti amaranto di giornata).
CERAVOLO 4,5 – I rigori li tira solo chi ha il coraggio di farlo,  ma sulla gara pesa come un macigno l’errore dal dischetto, poi non sfrutta al massimo un grande servizio di Sarno calciando a lato da posizione favorevole.
(dal 60′ COMI 5,5 – Una buona sponda come primo pallone toccato, manca il gol per questione di centimetri su un tirocross di Viola. Non si vede tantissimo, anche perchè viene servito poco e male).
FISCHNALLER 5 – Non trova nè lo spunto, nè la giocata giusta, fatta eccezione per un assist per Viola che colpisce il palo.
DIONIGI 5,5 – Il materiale umano che ha a disposizione va sgrezzato, servirà tempo. Tardivo l’ingresso di Comi. I limiti della squadra non vanno comunque attribuiti al tecnico. Rimette in soffita il 3-5-2, riprova il 3-4-3 con tendenza a 3-4-1-2 e a gara in corso prova il 4-2-3-1 (in talune circostanze 4-4-2). Non gli si può dire che non le stia tentando tutte. Ad onor del vero perde una partita in cui subisce un vero tiro in porta, crea tre occasioni e fallisce un rigore. E’ anche vero che davanti c’era il Lanciano, non il Real Madrid.