Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Dionigi: ‘Senza penalizzazione a 1 punto dai playoff. Sino ad ora due sconfitte contro due corazzate’

Reggina, Dionigi: ‘Senza penalizzazione a 1 punto dai playoff. Sino ad ora due sconfitte contro due corazzate’

dionigi_2012
Davide Dionigi parla dopo la sconfitta di Padova.

KO “Abbiamo gestito bene la palla, c’è stata qualità nella manovra, di negativo ci sono gli errori difensivi.  Non possiamo subire gol a difesa schierata. Il primo in otto contro quattro per un errore di posizione, nel terzo non bisogna far ricevere palla a Cutolo.  MI fa male subire tanto, ma anche l’anno scorso il Taranto, prima di capire certi meccanismi difensiiv, subivatanto.  Abbiamo saputo reagire anche a Padova, anche se in parte”
LIVELLO – “Senza la penalizzazione saremmo ad un punto dai playoff, le sconfitte sono arrivate contro delle corazzate e sabato abbiamo perso in una partita risolta dalle giocate dai singoli.  Ci vuole un pò di tempo per maturare, abbiamo tanti difetti, siamo giovani  e questo, però, non può essere un alibi. Siamo, comunque, in linea con le aspettative”.
TURN OVER –  – “Domani Ely giocherà dal primo minuto, ha 19 anni e sono felicissimo che faccia il suo esordio in B.  Voglio far rifiatare qualcuno, anche la formazione di Padova nasce in funzione delle tre gare in una settimana. Non ho forzato Fischnaller che veniva da un problema fisico, Hetemaj mi serviva per dare peso al centrocampo, mentre Sarno non aveva ancora il ritmo per giocare l’intera partita. A centrocampo chi giocherà domani, non giocherà la prossima. Comi? E’ alla sua prima esperienza da professionista dopo la Primavera del Milan, va gestito”.
IL LANCIANO – “Dobbiamo vincere, per rafforzzare la nostra classifica. Rischieremo qualcosa in più con tre punte, vediamo se in linea o col trequartista. Serve elimare gli errori commessi, ho visto la squadra sulle spine, ma  siamo un gruppo che ha bisgono di avere stimoli e di stare sulle corde. Loro sono molto “zemaniani”, giocano a calcio e potrebbero concederci degli spazi. Mammarella è un esterno difensivo he spinge tanto, ha un buon piede  ed è la loro principale fonte di gioco”.