Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Verso Padova-Reggina, Dionigi: ‘Tre partite in una settimana che ci diranno di che pasta siamo fatti’

Verso Padova-Reggina, Dionigi: ‘Tre partite in una settimana che ci diranno di che pasta siamo fatti’

dionigi_2012
Il campionato della Reggina e di Davide Dionigi si appresta a vivere il suo quinto atto. Gli amaranto saranno impegnati domani nell’insidiosa trasferta di Padova, contro un avversario, seppur in

difficoltà, forte.
Il tecnico amaranto, in conferenza stampa,  ha avuto modo di approfondire varie tematiche.
CON IL MODENA“Il pallino del gioco è stato sempre nelle nostre mani, troppe volte siamo stati in tanti davanti alla linea della palla.  Pur creando tanto, le due occasioni concese nascono dalla cattiva gestione degli uomini dietro il pallone. Abbiamo avuto venti minuti di calo non per questioni fisiche, ma per gli errori comemssi.  Dobbiamo arrivare a giocare bene per settanta minuti, perchè nessuno può farlo per novanta minuti. La squadra si sta ancora abituando a carichi di lavoro diversi rispetto a quelli della stagione scorsa, servirà del tempo per assimilare tante cose. I numeri ci dicono che teniamo tanto la palla, ma dicono anche che perdiamo tanti palloni e con squadre che hano grande potenziale offensivo quasto ci potrebbe penalizzare in modo eccessivo”.
TURN OVER “Ci aspettano tre partite in una settimana.  I ragazzi sono carichi, abbiamo risolto i problemi di Ely e Fischnaller.  Proprio Rodrigo lo vedremo in uno dei tre impegni, visto che dietro dovremo far rifiatare qualcuno.  Domani Adejo, Di Bari e Bergamelli comporranno il pacchetto difensivo. Non vedo Viola ? Non è vero, credo moloti n lui e anche lui avrà spazio in questa fila di impegni di ravvicinat, il valore dei nostri attaccanti è molto simile. Tutti devono andare a duemila, la mia storia dice che chi è partito dietro inizialmente è accaduto che sia diventato titolare. Per ciò che riguarda l’esterno destro, D’Alessandro e Melara hanno caratteristiche diverse: Matteo è più difensivo, Fabrizio più offensivo.  Barillà trequartista? E’ un idea riproponibile perchè dobbiamo sfruttare le peculiarità di ciascun calciatore”.
HETEMAJ “Ha caratteristiche diverse dagli altri centrocampisti, può darci solidità. Tra poco potrebbe arrivare il suo momento”.
BAIOCCO“Deve sentire la fiducia attorno e si tranquillizzerà, per questo ho avuto un dialogo con lui nel corso della settimana. Con questo non voglio dire che sarà sempre lui il titolare”.
INFORTUNATI – “Gianluca Freddi spero di riaverlo dopo Novara, per Lucioni dovremo aspettare ancora”.
CICLO TERRIBILE“Padova, Lanciano e Spezia sono test importanti che ci diranno di che pasta siamo fatti. Nelle prime dieci partite avreo affrontato tutte le favorite, dovessimo superare bene questo periodo si potrebbero aprire degli orizzonti”.
IL PADOVA“Voglio vincere, le difficoltà che hanno nascono dall’aver cambiato tecnico. Il nostro compito sarà quello di sfruttar il loro momento di poca tranquillità. Chiunque dovesse giocare in attacco da loro non cambia nulla pe noi. Cutolo è un amico, oltre che un giocatore forte”.