Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Dionigi: “Riportare l’entusiasmo tra la gente è compito nostro”

Reggina, Dionigi: “Riportare l’entusiasmo tra la gente è compito nostro”

dionigi_reggina_2013
Si avvicina il momento dell’esordio al Granillo per la Reggina di Dionigi, almeno per ciò che riguarda il campionato.

In riva allo Stretto sbarca la Pro Vercelli, neopromossa. Non è atteso il pubblico delle grandi occasioni, nonostante in città si respiri un clima di moderato ottimismo, perchè nonostante la mancanza di grandi colpi in questo calciomercato, la gente sa di avere in panchina un uomo di fiducia.
Mi fa piacere – ammette il tecnico  – che i tifosi si ricordino di Davide calciatore come una persona che ce la mette tutta in quella che fa. Spero di ripagarli con i risultati, io cercherò di portare avanti dei valori un pò antichi”.
Una salvezza  tranquilla ed esaltante in serie B, uno spareggio sfortunato in serie A e una promozione in Serie A.
Quelle di Dionigi calciatori erano edizioni della Reggina che entusiasmavano e  riempivano prima i gradoni del “Comunale”e poi  le poltroncine del Granillo, ricordi sbiaditi e in questo momento lontani.
Deve essere compito nostro –  afferma l’alleantore – riportare l’entusiasmo tra la gente, le parole le porta via il vento. Dobbiamo far vedere di essere una squadra che ha voglia di giocare e vincere le partite.  Speriamo già con la Pro Vercelli di dare una dimostrazione di questo. I grandi risultati si ottengono attraverso il gruppo. Qui, quando ero calciatore, abbiamo vinto un campionato grazie ad un grande gruppo.  Ho dei ragazzi che ce la mettono tutta per arrivare a questo”.
Il 31 agosto è vicino e anche la chiusura del calciomercato, per certi versi la cosa potrebbe essere vissuta come una liberazione: “Siamo stati troppo bravi a gestire le voci, tra pochi giorni tutto si chiuderà e potremo pensare al 100% alla Reggina”.
Infine, un’introduzione alla sfida di sabato sera contro la Pro Vercelli: “Affrontiamo una squadra forte, dobbiamo cercare di fare una partita importante come quelle giocate fino ad ora, escludendo i primi venti minuti di Empoli”