Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Coppa-Italia, Reggina-Nocerina, le parole dei protagonisti

Calcio – Coppa-Italia, Reggina-Nocerina, le parole dei protagonisti

salastampapre2012

GAETANO AUTERI (allenatore Nocerina)

“E’ stata una gara equilibrata. Nel primo tempo hanno fatto meglio loro, poi nella ripresa avevamo trovato il gol dell’uno a uno, la decisione di annulare la rete non mi ha convinto. Abbiamo tenuto bene il campo, ho un pò di rammarico anche per il gol subito, in cui Andelkovic si è infortunato e non ha chiuso bene per un problema al flessore.   La Reggina è una buona squadra, dietro molto solida e davanti c’ha giocatori bravi e concreti come  Ceravolo. E’ difficile dire di più, perchè siamo tutti in preparazione e aspettiamo la categoria a cui verremo assegnati. La B ce la meritiamo, perchè siamo sempre stati alla luce del sole. Ci piace Castiglia? Ha qualità, ma sono domande che dovete fare al nostro direttore sportivo. Abbiamo bisogno di quattro-cinque calciatori”.
DAVIDE DIONIGI (allenatore Reggina)
“Siamo stati decimati da un virus che non ci ha permesso di utilizzare Rizzato, poi abbiamo perso D’Alessandro nel riscaldamento. La squadra, tra le difficoltà, ha dato prova di grande attaccamento. Avremmo potuto chiudere la gara con un risultato più rotondo, nell’ultimo quarto d’ora loro sono venuti un pò fuori. La fase difensiva mi è piaciuta, davanti abbiamo creato tanto,  ma le partite vanno chiuse. Sarno? Per caratteristiche deve giocare tra le linee, la posizione in campo se la trova da solo. Ceravolo? Per me, nonostante le voci che continuiamo a sentire, è un giocatore importante, cerco di sfruttare le sue qualità e sono contento. Mi dispiace non avere raccolto quanto abbiamo seminato. Nel tridente cerco sempre di avere un attaccante fisico, che mi dia un’ulteriore tipologia di gioco.  Ely? Sono contento perchè ha giocato bene, anche in una posizione non sua.  In B ci sono almeno quattro-cinque squadre che ci sono superiori sulla carta, il gap possiamo colmarlo soltanto con la voglia e lo spirito giusto. Portiere? Non ho ancora scelto il titolare, Facchin l’ho visto meglio rispetto alla gara contro il Catania, Baiocco mi è piaciuto. Piano piano sta nascendo qualcosa”.
FABIO CERAVOLO (attaccante Reggina)
“A sprazzi abbiamo fatto bel calcio. Il calciomercato? Se resterò qua onorerò la maglia come ho sempre fatto. Sono in scadenza, qualora dovessi restare dovrei necessariamente impegnarmi al massimo.  Ancora non ci sono stati rinnovi, sono riconoscente alla società che continua a puntare su di me nonostante la situazione contrattuale.  Con il mister abbiamo un bel rapporto, perchè quando lui era in prima squadra io cominciavo a fare i primi allenamenti, poi oggi mi è stata affidata la fascia di capitano e per me è stata un’emozione particolare, trattandosi della prima volta”.