Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Di Bari: “Grazie Taranto per avermi dato la Reggina”

Reggina, Di Bari: “Grazie Taranto per avermi dato la Reggina”

di_bari_vito_reggina
“Approdare alla Reggina, una società che può contare su un centro sportivo di questo tipo, fino a qualche anno fa sarebbe stato un sogno.  Ringrazio il Taranto per avermi concesso quest’opportunità, mi auguro di fare bene con la mia nuova maglia”.
E’ entusiasta Vito Di Bari, difensore mancino classe 1983,  che ha firmato un biennale con la Reggina dopo essersi svincolato dal Taranto.

Può giocare da centrale e da marcatore sinistro nella difesa a tre di Davide Dionigi che lo conosce alla perfezione per averlo già avuto alle sue dipendenze: “Il mister sa quali sono le mie caratteristiche – prosegue il difensore – e lui è una persona che non lascia nulla al caso. Guarda ogni singolo particolare e si aspetta molto. Gioca col 3-4-3 o il 3-4-2-1 ma la nostra forza, al Taranto, è stata la difesa, anche grazie al conributo di quanti si sacrificavano davanti. In passato forse non ero prono per la B, ma il calcio è cambiato e si può arrivare in alto a qualsaisi età”.
Poi, un giudizio sulla squadra e sui possbiili obiettivi: “Siamo un gruppo giovane e con voglia di lavorare. Stiamo lavorando per acquisire i concetti tattici del mister.  Nonostante, però, l’età verde  c’è gente che ha già tanta esperienza e mi viene da pensare a De Rose e Barillà.  Nel calcio bisogna avere degli obiettivi, parlare di A da ora sarebbe sbagliato ma dobbiamo soffermarci sul fatto che l’anno scorso sia lo scudetto che la Serie B l’hanno vinta due squadre che andavano forte cioè la Juventus ed il Pescara. Nel calcio di oggi conta molta di più il collettivo e l’organizzazione”.