Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina-Verona, le parole dei protagonisti

Calcio – Reggina-Verona, le parole dei protagonisti

ROBERTO BREDA (ALLENATORE REGGINA)
“Abbiamo fatto le cose giuste, sfiorando il vantaggio e prendendo un gol che non ci stava. Ne prendiamo atto. Come manovra non abbiamo fatto male,  abbiamo crossamto molto e ho scelto Rizzo e non Nicolas Viola perchè mi serviva un incontrista che andasse sull’uomo che mi muoveva tra la linee.  Abbiamo rischiato zero e abbiamo preso gol, questo ci dispiace. D’Alessandro ha preso le misure su Hallfredsson, appoggiando anche le avanzate dell’esterno. Tutti mi hanno soddisfatto, abbiamo fatto quello che avremmo dovuto e mi dispiace non avere ottenuto niente.  Angella ha giocato un’ottima partita, peccato per l’errore.  Ceravolo l’ho utilizzato in orsa per sfruttare la freschezza dei calciatori contro squadre lunghe e stanche e i numeri dimostrano che lui ha fatto meglio da subentrato, anche se lo considero un titolare.  Per i playoff si fa dura, si devono vincere tutte e quattro le ultime partite. Ci sono degli scontri diretti ceh potrebbero aiutarci, avessimo fatto punti oggi saremmo stati in una buona posizione.  C’è un barlume di speranza, anche se resta l’amaro in bocca per questa partita”.

ANDREA MANDORLINI (ALLENATORE HELLAS VERONA)
“Dopo il primo tempo mi sono arrabbiato negli spogliatoi, la Reggina aveva più ritmo di noi e so che non abbiamo fatto una grandissima partita. Contro l’Empli abbiamo avuto dieci occasioni da gol e abbiamo pareggiato.  Uscire con un pareggio sarebbe stato problematico, ma non so questa vittoria potrà essere determinante. Siamo andati in difficoltà, non mi aspettavo Ragusa largo e hanno creato diverse situazioni dal fondo, sono stati bravi ad andare alle spalle dei nostri terzini e noi fortunati a non subire gol. Penso che vincere a Reggio possa essere il risultato della giornata, tenuto conto che questo è un campo tosto con una squadra forte.  Alla Reggina penso che in questo campionato sia mancata una striscia vincente, un filotto di risultati.  Non ci sono tante differenze tra le squadre nella prima parte della classifica, ma noi, ad esempio, abbiamo avuto una serie di risultati che ci hanno dato serenità.”

EMANUELE BELARDI (PORTIERE REGGINA)
“Sul gol siamo stati presi in controtempo, poi ad Angella è un pò scivolata la palla e non ci è arrivato.  Mi rammarica che la Reggina abbia perso forse la miglior partita giocata, nonostante affrontassimo una squadra che sta lottando per i primi due posti e che oggi ha fatto poco. Loro hanno vinto molte gare così. A volte il destino  ti è favorevole, altre contrario.   A loro poteva stare bene il pareggio e ad un certo punto sono stati dietro ad aspettarci. Per i playoff è dura, ci abbiamo provato anche oggi e abbiamo sempre l’obbligo di lottare fino all’ultimo. Anche qualora avessimo vinto stasera a Genova avremmo dovuto giocare la partita della vita. Stasera non posso che fare i complimenti alla squadra che è stata brava e quadrata. Ci sono tanti giovani e quando si adotta questo tipo di politica possono esserci degli errori da mettere in preventivo”.