Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Serie B: la storia e gli ex di Reggina-Livorno

Calcio, Serie B: la storia e gli ex di Reggina-Livorno

reggina_logodi Antonio Modafferi – Dopo la bruciante sconfitta di Bari che pare aver spezzato tutti i sogni play off, la Reggina ospita il Livorno. Il match di andata si concluse con l’en plein esterno dei ragazzi di Breda per 0-2, opera di Ceravolo al 48’ e Ragusa al

79’, dopo che Pietro Marino  aveva neutralizzato, all’8’, un calcio di rigore di Paulinho. Il Livorno di Madonna, reduce dalla brillante prestazione casalinga ai danni dell’Albinoleffe (4-1), occupa attualmente il quattordicesimo posto  in graduatoria, una posizione più o meno tranquilla, a quota 34 punti, frutto di 8 vittorie, 10 pareggi e dodici sconfitte.

 

Sono ben 20 i precedenti tra Reggina e Livorno, distribuiti tra serie C, serie B e serie A, e il bilancio è nettamente a favore degli amaranto calabresi che hanno conquistato ben 14 successi, lasciando agli ospiti soltanto 4 pareggi e 2 affermazioni.

 

E’ sul finire degli anni Cinquanta che ha inizio la storia di Reggina-Livorno. Le due formazioni si affrontano per la prima volta nel campionato di serie C 1956/1957 e la squadra locale guidata da Oronzo Pugliese si impone per due reti a zero, per merito della doppietta di De Vito tra 16’ e 70’. Amaranto ancora vittoriosi nella stagione successiva, ma questa volta di misura, 1-0, eroe di giornata è Leoni.

 

Dopo qualche anno di pausa, nella stagione 1965/1966 arriva il primo incrocio in serie B, e i ragazzi di Maestrelli, alla penultima di andata, superano i toscani per 2-0 , segna Camozzi al 6’, poi il labronico Lessi infila il proprio portiere al 52’.

Un anno più tardi amaranto ancora vincenti, ma stavolta per 1-0, match winner è l’attaccante Roberto Rigotto, al minuto numero 70.

Nell’annata 1967/1968 si registra il primo dei due successi del Livorno a Reggio Calabria. E’ la prima giornata del campionato e l’undici di Maestrelli, all’ultimo anno sulla panchina della Reggina, si fa sconfiggere per 0-1, opera di Santon al 68’.

Nella stagione 1968/1969 torna alla vittoria la Reggina, quell’anno allenata dal compianto Armando Segato, 1-0 al nono turno di campionato, decide Toschi al 66’.

Ben più rotondo il successo degli amaranto di Ezio Galbiati nel 1969/1970 quando, a quattro partite dal termine, rifilano al Livorno un rotondo 4-0 firmato dalle doppiette di Perrucconi, al 7’ e al 90’,  e Toschi, al 22’ e all’83’.

Nel 1970/1971 ancora una volta 1-0 per i padroni di casa guidati da mister Bizzotto alla seconda di campionato, la prima tra le mura amiche, risolve la pratica Facchin al quarto d’ora.

L’anno dopo, a un turno dalla fine del girone di andata, è ancora la Reggina, sulla cui panchina sedeva Egizio Rubino, ad aggiudicarsi il confronto contro i toscani, per 2-1. Ospiti avanti con Zani al 33’, la reazione amaranto si materializza nella ripresa, al 49’ pareggia Fazzi, quindi Merighi al 70’ completa la rimonta.

 

Dopo qualche anno di pausa, la sfida contro i labronici torna nella stagione 1978/1979, in C1. Alla nona di andata il collettivo di Roberto Balestri si sbarazza dei toscani per 1-0, è di Snidaro il sigillo risolutivo dopo un quarto d’ora di gioco. Nell’annata 1979/1980, con Buffoni allenatore, si registra il medesimo risultato, marcatore l’attaccante Pierantonio Bortot al 27’. Un anno più tardi Adriano Buffoni bissa questo successo con un più rotondo 3-0, a segno vanno Spinella all’8’, Piras al 20’ e Re al 30’.

Anche nella stagione 1981/1982 gli amaranto di Gaetano Salvemini fanno valere la propria legge, finisce infatti 2-0 per merito delle realizzazioni di Piga al 38’e di Coppola al 47’. Nel torneo successivo ancora 1-0, firmato Grandi al 45’, per la Reggina che a fine stagione conoscerà l’onta della retrocessione in serie C2.

Passato l’inferno della quarta divisione nazionale, le due squadre si ritrovano di fronte nella stagione 1986/1987, quando si registra il primo pareggio, 0-0.

 

Dopo un’interruzione quasi ventennale, le strade di Reggina e Livorno tornano ad incrociarsi nella stagione 2004/2005, questa volta in serie A. Terza giornata di campionato, turno infrasettimanale. La Reggina di Mazzarri, che pochi mesi prima aveva riportato il Livorno nella massima serie, conquista la prima vittoria della stagione. Apre le marcature Bonazzoli dopo soli nove minuti, il pareggio degli ospiti, allenati dal grande ex Franco Colomba, arriva intorno alla mezzora sugli sviluppi di un corner con il futuro amaranto Alessandro Lucarelli, quindi Colucci al 60’ sigla la rete, la prima con la maglia della Reggina, del definitivo 2-1.

Nel 2005/2006 nell’anticipo delle 18 della ventisettesima giornata, si registra un pareggio, un 1-1 che matura nella seconda frazione di gioco. Morrone al 46’ porta in vantaggio la formazione di Carletto Mazzone, ripresa da un bel colpo di testa di Ciccio Cozza al 63’, sul finire della partita Mesto, solo davanti ad Amelia, spreca un’ottima occasione sparando in Curva Nord.

Ancora un pareggio nel torneo 2006/2007, questa volta 2-2. Partita in salita per gli amaranto, gli ospiti si portano infatti sul doppio vantaggio grazie ad un micidiale uno-due tra 22’ e 27’ firmato da Galante e da Cristiano Lucarelli, quel giorno opposto in campo al fratello Alessandro. La Reggina di Mazzarri, che la settimana prima era riuscita ad azzerare la penalizzazione con il successo di Siena, riesce però a raddrizzare la gara nella ripresa grazie alle segnature di Bianchi al 63’ e Leon, al primo centro stagionale con uno splendido destro da fuori area, al 78’. Gli amaranto addirittura sfiorano il bottino pieno con l’argentino Rios, che spreca banalmente una buona opportunità.

Nella stagione 2007/2008, il Livorno espugna il Granillo con un pesante 1-3. E’ la decima giornata e si gioca di mercoledì. Il Livorno passa in vantaggio al 34’ con Pulzetti, dopo tre minuti Amoruso pareggia immediatamente, ma la squadra pare non esserci in campo, così nella ripresa arrivano prima l’autorete di Valdez al 78’, poi il goal di Rossini al 90’ che chiude il match e anche l’esperienza di Massimo Ficcadenti in riva allo Stretto che, dopo cinque punti in dieci partite, viene esonerato e sostituito da Renzo Ulivieri..

 

L’anno scorso l’ultimo precedente, conclusosi senza né vincitori né vinti. Al “Granillo” si gioca il posticipo serale della trentatreesima giornata e il Livorno dell’ex Novellino, dopo una traversa colta dalla distanza da Montiel, trova il vantaggio al 33’ con Dionisi, che sfrutta una lancio lungo e batte Puggioni in diagonale. I ragazzi di Atzori rimettono in equilibrio il risultato al 65’ grazie a Bonazzoli, che di testa raccoglie un bel cross di Campanacci dalla sinistra e buca De Lucia.

 

L’unico ex della partita gioca tra le file del Livorno; si tratta di Morosini.

Piermario Morosini ha vestito la maglia della Reggina nella prima parte della stagione 2009/2010. Giunto in prestito dall’Udinese, il centrocampista classe 1986 colleziona 17 presenze fino a gennaio, quando viene rispedito al mittente.