Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Verso Reggina-Ascoli, Gregucci: ‘Diamo il massimo o piangeremo’. Out Barillà e Bonazzoli

Calcio – Verso Reggina-Ascoli, Gregucci: ‘Diamo il massimo o piangeremo’. Out Barillà e Bonazzoli

gregucci2012_reggina

 

 

 

 

 

 

“L’Ascoli è una squadra esperta per la categoria, possiede giocatori di buona tecnica come Papa Waigo e Falconieri.  Hanno dimostrato la loro solidità non sono contro il Sassuolo, ma anche contro altre compagini collezionando buone prestazioni. Se li faremo difendere frontalmente, non troveremo spazi. Sarà una gara complicata, ho già avvertito i miei ragazzi che, contro dei marpioni come i nostri avversari, rischiamo seriamente di piangere qualora non dovessimo interpretare il match nel modo giusto”.

Il monito di Angelo Gregucci alla sua squadra non sembra lasciare dubbi sul fatto che la  partita che la Reggina dovrà affrontare contro i bianconeri marchigiani non sarà facile.

“La B mi ha insegnato che ha la meglio chi cura i particolari, è il campionato più tattico de mondo.  Tutti si organizzano in base alla fisionomia dell’avversario – prosegue il tecnico pugliese – e per essere competitivi dobbiamo acquisire velocità e resistenza.  Serve avere tante situazioni sotto controllo, sapere cosa fare in ogni circostanza e resistere fino al novantesimo”.

La notizia data dal tecnico è che Bonazzoli e Barillà non saranno della partita, a differenza di Angella, recuperato e convocato.

“Non conta chi sostituirà Emiliano, è importante come gli undici che scenderanno in campo difenderanno e attaccheranno. Si deve lavorare perchè la prestazione di Pescara diventi ordinaria e non episodica.  Cerco sempre di trovare il meglio di me stesso per trasmetterlo agli altri con scrupolo,  ma si può sbagliare, essendo umani.  Non abbiamo vissuto una settimana facile – rivela Gregucci – perchè dopo la partita di venerdì abbiamo avuto qualche problema di recupero per i calciatori, adesso dobbiamo archiviamo quel successo e facciamo si che resti un risultato importante”.

Nessun dubbio, invece, sui programmi della squadra per stasera: “Guarderemo la partita del Varese, è naturale sperare che il Vicenza (sua ex squadra, tra l’altro ndr) faccia risultato lì. Le sorti del campionato sono nelle nostre mani”.