Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, serie B: il punto sulla ventiduesima giornata

Calcio, serie B: il punto sulla ventiduesima giornata

serieblogoDopo la sosta per Natale e Capodanno, la serie Bwin ritorna nel giorno dell’Epifania per l’ultimo turno del girone di andata.



Nel lunch match, la capolista Torino (42 punti) si fa bloccare tra le mura amiche dall’Albinoleffe (22 punti). Il risultato non si schioda dallo 0-0, da segnalare ben tre cartellini rossi. I seriani a fine primo tempo rimangono in dieci per l’espulsione di Girasole, imitato ad inizio ripresa dal granata Iori, quindi nel recupero anche Ebagua raggiunge anzitempo gli spogliatoi.

Vola ancora il Verona (41 punti), secondo, che alle 18 supera in rimonta il Modena (20 punti). I canarini accarezzano a lungo l’idea di uscire vittoriosi dal “Bentegodi”, grazie al vantaggio timbrato da Greco dal dischetto poco dopo la mezzora. Sembra una giornata storta per gli scaligeri, ma negli ultimi quattro minuti i ragazzi di Mandorlini capovolgono al situazione. All’86’ pareggia il francese Lepiller, in campo da novanta secondi, all’88’ invece è Gomez a firmare l’insperato sorpasso.

Continua a volare il Sassuolo (40 punti), scatenato sul mercato con gli acquisti di Missiroli e Troianiello e cinico in campo. Contro una sempre vivace Juve Stabia (28 punti), i neroverdi trovano il vantaggio grazie alla punizione calciata da Sansone ad inizio secondo tempo, ma è evidente l’errore del portiere stabiese Colombi, le vespe non ci stanno e ad un quarto d’ora dal termine il solito Sau spizzica di testa quel tanto che basta un cross dalla destra, ma al 93′ il collettivo di mister Pea trova il definitivo 2-1 ancora con Sansone, il quale su rigore realizza l’undicesimo centro personale in stagione.

Vince anche il Pescara (39 punti), che passa sul terreno della Nocerina (16 punti).  Eppure sono i molossi a portarsi avanti grazie al goal del neo acquisto Gherardi al 7′, nei successivi due minuti però la banda di Zeman piazza un tremendo uno-due firmato Cascione e Immobile, alla mezzora è ancora l’ex centravanti della Primavera della Juve ad andare a segno, per la tredicesima volta in campionato, raggiungendo quindi il capocannoniere Tavano. Nella seconda frazione, i rossoneri provano a riaprire la partita con Farias, poi gli adriatici controllano il match e Maniero all’89’ chiude i conti.

Blitz esterno anche per il Padova (38 punti), che supera l’Ascoli (15 punti). Gli uomini di Dal Canto fanno bottino pieno al “Del Duca” con due reti negli ultimi dieci minuti. Prima Lazarevic batte Guarna da fuori con l’aiuto di una deviazione di Peccarisi, quindi in pieno recupero Cutolo mette al sicuro il risultato.

La Reggina (31 punti) torna da Vicenza (26 punti) con un pari a reti bianche. Un punto importante su un campo ostico come il “Menti”, ma ora la squadra di Breda deve guardarsi dalle concorrenti, innanzitutto il Varese, adesso a pari punti.

Colpaccio, infatti,  del Varese (31 punti), che a sorpresa sbanca il “Marassi” inguaiando la Sampdoria (26 punti) e aggancia il sesto posto che significa play off. I blucerchiati stentano molto, soprattutto nella prima frazione, il team di Maran fa suo l’incontro al primo minuto di recupero grazie alla conclusione del subentrato Loris Damonte, ben servito dall’altro neo entrato Carrozza.

Nel posticipo delle ore 20:45, un punto a testa per Grosseto (29 punti) e Livorno (21 punti). Le emozioni arrivano nei secondi 45′: maremmani avanti con il consueto Caridi al 56′, i labronici del neo allenatore Madonna, arrivato al posto dell’esonerato Novellino, impattano al 71′ con Belingheri.

Sorride il Cittadella (28 punti), che piega davanti al pubblico amico l’Empoli (22 punti). I granata mettono la freccia per merito del gran tiro di Vitofrancesco sul finire del primo tempo, i toscani li riprendono ad inizio ripresa, quando il difensore Mori risolve sottomisura una mischia dopo un corner, quindi la compagine di Foscarini acciuffa la vittoria con la bella rovesciata di Samuel Di Carmine.

Un punto soltanto per il Bari (26 punti), che va vicino al successo in quel di Gubbio (19 punti). Le reti tutte nel secondo tempo: galletti sul doppio vantaggio in virtù della doppietta dell’attaccante Francesco Caputo, la reazione degli eugubini è rabbiosa e porta i ragazzi di Simoni al pareggio, firmato Graffiedi prima e Buchel dopo.

Rotondo successo per il Brescia (25 punti), che batte con un netto 3-0 il Crotone (24 punti), al secondo k.o. di fila. Rondinelle avanti con El Kaddouri intorno al quarto d’ora, l’undici di mister Calori mette in cassaforte i tre punti grazie ai sigilli dei due ungheresi Vass e Feczesin.

Antonio Modafferi