Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Reggina: Breda esonerato, in panchina arriva Gregucci

Calcio, Reggina: Breda esonerato, in panchina arriva Gregucci

gregucci_angelo

di Pasquale De Marte – La Reggina ha scelto: si cambia.

I due pareggi consecutivi a cavallo della pausa natalizia non sono bastati a Roberto Breda per convincere il sodalizio amaranto a  puntare

ancora su di lui, dopo che già precedentemente alla  gara contro il Sassuolo la sua posizione sembrava irrimediabilmente compromessa.

Il comunicato ufficiale apparso sul sito della società stavolta ha fugato qualsiasi dubbio anche sul suo successore:  Angelo  Gregucci.

Nativo di San Giorgio Ionico, piccolo centro a pochi chilometri da Taranto, il nuovo trainer reggino ha avuto un importante carriera da calciatore iniziata nella squadra della sua città e proseguita con le maglie di Alessandria, Lazio, Torino e Reggiana. Anche due presenze in nazionale maggiore per lui.

Dal centro della difesa alla panchina, il passo è stato abbastanza breve.  Dopo una trafila da collaboratore tecnico, avendo anche l’opportunità di lavorare come vice di Roberto Mancini, la prima vera esperienza da allenatore è a Viterbo nel 2000, sotto l’egida di Dell’Orto, ma l’epilogo è amaro e il rapporto con la società laziale dura solo pochi mesi.

Nel 2002 approda al Legnano e ottiene un ottavo posto nel girone A della Serie C2, prima di conquistare una miracolosa salvezza in Serie B alla guida di un Venezia alla deriva sotto il profilo societario.

Si ripete raggiungendo un’altra permanenza in cadetteria con la Salernitana nel 2004/200.  La stagione successiva esordisce in serie A  con poca fortuna nel Lecce dove arriva un esonero dopo cinque giornate.

Il 3 ottobre del 2006 assume la guida del Vicenza a campionato in corso, riuscendo a ottenere tre salvezze con i biancorossi.  L’ottimo triennio con la società berica gli vale la chiamata dell’Atalanta in massima serie, alla ricerca di un sostituto di Gigi Del Neri.   Anche in questo caso l’esperienza nel massimo campionato dura solo cinque gare.

Più lungo ma non più fortunato il legame con il Sassuolo nella passata stagione: l’esperienza  in neroverde inizia il 3 ottobre, dopo l’esonero di Daniele Arrigoni,  e si conclude  il 9 maggio quando la societàgregucci_angelo2 emiliana decide di affidare la squadra a Paolo Mandelli, allenatore della Primavera che porta in salvo la squadra.

Gregucci era stato cercato già in passato dalla Reggina, segno che evidentemente dalle parti di Via delle Industrie si crede molto nelle sue qualità.

Dal 3-5-2 di Venezia alla difesa a quattro impiegata negli ultimi tempi.  Tatticamente  può essere considerato un tecnico polivalente, visto che negli anni ha utilizzato un pò tutti i moduli.

Assume le redini di una squadra che, al di là della flessione degli ultimi tempi, ha come obiettivo dichiarato quello di raggiungere i playoff, che, in questo momento alla luce del sesto posto in classifica, sarebbero realtà.

La presentazione dovrebbe prevista già per oggi pomeriggio (lunedì) al  Centro Sportivo S.Agata.  Da ieri sera, in riva allo Stretto, è ufficialmente iniziata l’era Gregucci.