Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina-Sassuolo, le pagelle di Strill.it

Calcio – Reggina-Sassuolo, le pagelle di Strill.it

P.MARINO  6 – Subisce gol su rigore, non viene quasi mai impegnato dagli avversari.

COSENZA 5.5 – Sfortunato protagonista nell’episodio che porta Massa a concedere il rigore al Sassuolo.
EMERSON   6,5 –  Si inventa un gran gol dai trenta metri e salva una conclusione a botta sicura di Masucci.   
A.MARINO 6 – Campagnacci gli offre una buona opportunità, ma il suo colpo di testa non è preciso. Nella ripresa se la cava con mestiere su un avversario lanciato a rete.
D’ALESSANDRO 6 Alla fine del primo tempo subisce un calcio fortuito in faccia da parte di Boakye. Non viene spesso sollecitato dai compagni, ma spesso si destreggia abbastanza bene.
RIZZO 5,5 – Soprattutto lavoro oscuro, non è molto presente in fase propositiva.
CASTIGLIA 6 – Buone alcune sue percussioni nella difesa avversaria.
MISSIROLI  6 – Non è sicuramente sugli standard del rendimento esaltante della prima parte del campionato, ma è forse uno dei pochi che, con la palla al piede, riesce a dare l’idea di poter inventare qualcosa o rendersi protagonista di uno spunto importante. Non è un caso che il pubblico fischi la sua sostituzione.
RIZZATO  6 –   Nella fase iniziale della gara si va spesso sul fondo dal suo lato. Nella ripresa si fa superare da Lavonere in una circostanza.
A. VIOLA  5,5 – Non era facile rientrare subito al massimo dopo il periodo in cui le scelte di Breda lo hanno tenuto lontano dal campo. Assicura comunque tanto movimento e non viene assistito al meglio per quelle che sono le sue caratteristiche.
CAMPAGNACCI 6 –   Costringe Pomini a una buona parata nel secondo tempo.
RAGUSA 6 – Entra e si rivela pericoloso con il palo colpito, grazie anche alla deviazione di Consolini.
DE ROSE 6 – Entra e si cala subito nel ritmo della partita. Non trova il tap in vincente.
CERAVOLO S.V.
BREDA 5,5
– La realtà dei fatti dice che la Reggina oltre al periodo non fortunato in fatto di risultati deve confrontarsi con una certa difficoltà nel fare gioco e trovare la via della rete. Non è un caso che, contro il Sassuolo, il gol sia arrivato con una con una conclusione da trenta metri. Va anche detto che l’avversario di oggi è il peggiore da affrontare quando si è nelle condizioni di dover andare a cercare una vittoria.