Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: la storia di Albinoleffe-Reggina.

Calcio: la storia di Albinoleffe-Reggina.

reggina_logo

Dopo il ritorno alla vittoria ai danni della Nocerina, la Reggina è attesa, per il sedicesimo turno di campionato che si giocherà in posticipo lunedì alle ore 20:45, dall’insidiosa trasferta sul campo dell’Albinoleffe, La squadra seriana allenata da Fortunato è reduce dal pari in rimonta in casa della Juve Stabia (2-2) ed attualmente occupa il quintultimo posto in classifica con 15 punti, frutto di 4 vittorie, 3 pareggi e 8 sconfitte.

Sono soltanto due i precedenti tra Albinoleffe e Reggina, risalenti agli ultimi due campionati cadetti, e il bilancio vede un successo per parte.

Il primo incrocio all’ultima giornata del girone di andata del 2009/2010. In avvio di partita la Reggina di mister Ivo Iaconi ha la grande occasione per indirizzare la partita a proprio favore. Infatti dopo nemmeno un minuto di gioco il contatto in area di rigore tra Cacia ed Hetemaj viene punti dall’arbitro con la massima punizione; dagli undici metri si presenta lo stesso Cacia, ma il suo tiro viene respinto dall’ex Pelizzoli. I ragazzi di Mondonico prendono fiducia con il passare dei minuti e si portano in vantaggio al 25’ quando un tiro da fuori di Cia viene respinto da Marino, il più lesto di tutti è il calabrese Ruopolo che mette dentro. Gli amaranto sono incapaci di reagire e in avvio di secondo tempo i seriani raddoppiano ancora con Ruopolo, doppietta per lui, che raccoglie un cross di Cristiano e batte di prima intenzione, Marino si oppone ma non trattiene quindi l’attaccante calabrese riprende la sfera e deposita in rete.

Nella scorsa stagione al trentottesimo turno la Reggina si presenta a Bergamo dopo l’affermazione sul Novara. E’ il 30 aprile 2011, sull’ “Atleti Azzurri d’Italia” è in atto un vero e proprio diluvio, la sfida inizia regolarmente e il complesso di Mondonico sblocca il risultato già al 13’, Mingazzini da fuori, con la complicità di una deviazione di Cosenza beffa Puggioni, tuttavia il terreno di gioco è ben oltre il limite della praticabilità e l’arbitro Tommasi due minuti più tardi è costretto a sospendere la gara. Si recupera l’11 maggio e il team di Atzori ribalta la situazione grazie alla coppia Bonazzoli-Campagnacci. Al 28’ c’è il pari firmato dall’ex Giulianova che supera Tomasig dopo uno scambio con Bonazzoli, al 37’ arriva il vantaggio amaranto, stavolta l’ex Giulianova da destra crossa in mezzo per in numero 61 amaranto, il suo primo tentativo viene respinto dall’estremo difensore seriano, sulla ribattuta mette dentro con una girata al volo, infine all’80’ contropiede vincente, Bonazzoli manda al centro verso la punta numero 87 che non ha problemi a depositare in fondo al sacco e a timbrare la sua prima doppietta con la maglia della Reggina.

L’unico ex del match milita tra le file della Reggina e si tratta di Colombo.

Quattro stagioni e mezza, tanto è durata l’esperienza di Riccardo Colombo alla corte dell’Albinoleffe, per l’esattezza dal 2003/2004 fino a gennaio 2008, quando fu ceduto all’Udinese, durante le quali l’esterno destro classe 1982 ha raccolto 146 apparizioni in maglia seriana, impreziosite da 4 goal.

Antonio Modafferi