Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina-Nocerina, le parole dei protagonisti

Calcio – Reggina-Nocerina, le parole dei protagonisti

reggina_logoEMERSON (difensore REGGINA)
“C’era un mio amico venuto dalla Sardegna in curva, lui è appassionato del mondo ultrà e sono andato a salutarlo, visto che mi ha portato fortuna. Ecco perchè sono andato subito sotto la curva. La punizione è passata a fianco della barriera. Abbiamo affrontato una buonissima squadra che non merita la classifica che ha e per questo abbiamo ottenuto tre punti importanti.  Nel secondo tempo abbiamo subito un calo forse dettato dalla troppa sicurezza nei nostri mezzi, ma in questo campionato se molli cinque minuti le cose vano male. Per fortuna si è sbloccato Emiliano e abbiamo vinto”.

BREDA (allenatore REGGINA)
“I tifosi fischiavano per la sostituzione di Ceravolo? Siamo tutti uniti, puntiamo tutti allo stesso scopo, magari abbiamo idee diverse.  Abbiamo visto una partita divisa in varie fasi, alcune delle quali sono state qualitativamente importanti da parte nostra. C’è un quarto d’ora da cancellare, ma per il resto ci siamo disimpegnati con la giusta determinazione e la giusta gamba. Penso che si tratti di una prestazione positiva, abbiamo fatto esordire Sarno e Alessio Viola che si sono fatti trovare pronti, così come Rizzo, al di là dei due retropassaggi.  E’ importante avere avuto la forza di crederci fino alla fine e che si sia bloccato anche Emiliano Bonazzoli, dopo che anche oggi ha offerto una grande prestazione. Bisogna ricordare che siamo nelle zone alte della classifica, abbiamo dei difetti ma penso che abbiamo dimostrato anche delle cose buone. Sappiamo che dobbiamo migliorare, ma non dobbiamo fossilizzarci sugli aspetti negativi, che comunque ci sono. Quando abbassiamo il ritmo commettiamo degli errori, se invece giochiamo a due-tre tocchi facciamo vedere le cose migliori. Nel tempo dobbiamo cercare di esprimerci al massimo per il maggior tempo possibile. Ricordiamoci che davanti avevano una squadra con un’identità consolidata e che gioca con personalità. Sarno? Si è sempre allenato bene, oggi ha dato un brio importante alla squadra, dando entusiasmo alla squadra, lo stesso discorso per Alessio Viola. Auguri a Rocco Musolino per le sue mille radiocronache al fianco della Reggina”

AUTERI (allenatore NOCERINA)
“La differenza nel risultato l’hanno fatta due situazioni. Quelle in cui abbiamo preso  gol, evitabili, l’altra può essere quella in cui Missiroli fa trenta metri di scatto per andare a fare fallo tattico, prendendosi l’ammonizione. Questo dimostra la maturità di una squadra. Penso che il pareggio nei novanta minuti per quanto espresso ci sarebbe stato stretto, ma quanto ho detto prima dimostra il motivo per il quale abbiamo perso.  Nel primo tempo abbiamo organizzato la partita per andare ad aggredire e chiudere la Reggina in una zona bassa del campo, ma non siamo stati bravi a ripartire.  Ci siamo espressi meglio nel secondo tempo, dopo il pareggio abbiamo avuto quindici minuti di supremazia assoluta. Nei dieci minuti finali abbiamo regalato qualcosa alla Reggina”.


BONAZZOLI (attaccante REGGINA)

“Era un pò tanto che non segnavo, almeno quattro-cinque mesi. Non ho scelto io di segnare proprio oggi, altrimenti avrei iniziato dalla prima giornata. Purtroppo la palla non entrava, un pò per sfortuna, un pò per bravura dei portieri, un pò per errori miei. Tutte le annate non sono uguali. A livello fisico sto bene, è chiaro che dopo un gol il morale è alto e si sta ancora meglio.  Oggi abbiamo giocato molto come nella passata stagione, dobbiamo lavorarci su per migliorare gli automatismi, anche perchè questa tipologia di gioco può tornarci molto utile con squadre che non ci danno profondità. E’ vero, a volte capita che io mi trovi a crossare, non è una scelta tattica perchè il mister vuole che io stia in mezzo, però è chiaro che non possiamo stare tutti al centro e mi capita di defilarmi”.