Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Gubbio-Reggina: le parole dei protagonisti

Calcio, Gubbio-Reggina: le parole dei protagonisti

campagnacci_alessioLe parole dei protagonisti al termine di Reggina-Gubibo 3-1 ai microfoni di Radio Touring 104.
FOTI  (presidente Reggina)
“Dopo aver pareggiato abbiamo trovato lucidità. Questa squadra può ottenere risultati importanti. Dobbiamo essere un gruppo dove tutti corrono alla stessa maniera, coscienza dei propri mezzi e dopo il gol subito avremmo dovuto dimostare questo.  Dovevamo passare in vantaggio nel primo tempo, invece abbiamo permesso agli avversari di acquisire fiducia nonostante il divario tecnico.  Bisogna essere più cinici”.

CAMPAGNACCI (attaccante Reggina)
“Abbiamo meritato al vittoria. Abbiamo concretizzato poco, nonostante alla fine siano arrivati tre gol.  Bene i primi venti minuti per noi, poi al primo tiro ci hanno fatto gol. Nel secondo tempo siamo riusciti a ribaltare il risultato. Siamo sei-sette attaccanti potenzialmente tutti tiolari, io cerco di allenarmi sempre al massimo.  Ho fatto bene fino ad ora e non voglio fermarmi.  Oggi per me era un derby, c’erano  duecento persone venute a vedermi”.
GIACCHETTA (direttore dell’area tecnica della Reggina)
“Abbiamo creato diverse occasioni da gol, bisognerà lavorare per concretizzarne di più, perchè domani potrebbero diventare di meno. Non vincere oggi sarebbe stato un peccato. Siamo stati bravi a non perdere la testa dopo essere andati in svantaggio, ma bisogna avere maggiore cattiveria”.
CERAVOLO (attaccante Reggina)
“Abbiamo raggiunto una vittoria importante. Due gol: il primo è arrivato di potenza, il secondo con astuzia. La dedica per le reti va ai miei genitori e alla mia ragazza. Questa Reggina può arrivare nella parte sinistra della classifica, ma miriamo al salto di qualità”.
BREDA (allenatore Reggina)
“Siamo partiti forte, dopo l’infortunio di Bonazzoli abbiamo un pò rallentato. Nella ripresa siamo entrati in campo con il giusto piglio.  Continuiamo a lavorare adesso, oggi, però, non era facile vincere su questo campo”.