Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Reggina: Bini e D’Alessandro si presentano

Calcio, Reggina: Bini e D’Alessandro si presentano

dalessandro_bini_presentazionedi Pasquale De Marte – Sono gli ultimi due volti nuovi che il calciomercato estivo ha portato al S.Agata. Sono soprattutto due ragazzi poco più che ventenni ( entrambi classe 89′) che portano un ulteriore tasso di gioventù in un gruppo che nonostante la bassissima età media vuole stupire.

IL DIFENSORE – Francesco Bini è un difensore centrale, che oltre a poter contare sulla sua fisicità (190 cm per 80 kg), nonostante la giovane età può vantare sua una discreta esperienza. Medaglia d’argento ai Giochi del Mediterraneo di Pescara con l’Italia Under 20 nel 2009, è cresciuto nel Piacenza (36 presenze in serie B) e nell’ultima stagione ha trascorso gli ultimi sei mesi alla Cremonese. Arriva in prestito con diritto di riscatto ed esprime la sua soddisfazone per l’approdo in riva allo Stretto: “Sono contento di essere qui, in una squadra che punta sui giovani. Sono un difensore destro che può giocare da terzo a destra nella difesa a tre, mentre a quattro ho fatto sia il terzino che il centrale.  Voglio mettercela tutta, la concorrenza non mi spaventa. Ho saputo di questa trattativa ieri e tutto è stato definito abbastanza velocemente. Dopo in cinque mesi passati a Cremona sono contento di ritrovare la serie B”.

L’ESTERNO DESTRO – Matteo D’Alessandro è, invece, reduce da due stagioni in Lega Pro con la Reggina, dove è diventato uno dei beniamini dei tifosi granata.  Cresciuto nel settore giovanile del Genoa,  arriva in comproprietà dai rossoblù liguri.  “Per me è un grande onoer essere qui, ringrazio il presidente e la società per aver puntato su di me.  Farò di tutto per dimostrare il mio lavoro”.  Ha esordito così l’ex esterno reggiao, che poi si descrive: “Sono un terzino, in fase difensiva mi esprimo meglio.  Ho una buona tecnica di base, discreta corsa e penso di essere abbastanza duttile. Non segno molto, faccio qualche assist ma la mia aspirazione è soprattutto quella di giocare, poi l’importante è esultare con i compagni.    Mi approccio a questa categoria con la massima umiltà”.

Bini ha scelto il numero 42, D’Alessandro il numero 72.