Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio – Reggina, Ruggeri: “Tifosi, non vi deluderemo”

Calcio – Reggina, Ruggeri: “Tifosi, non vi deluderemo”

ruggeri_alessandro_sanmarino

Si è allenato con Pirlo, Kakà e Nesta, si è confrontato su campi impegnativi come quelli della seconda Divisione.   Ha solo vent’anni (ventuno li compierà il prossimo 16 novembre), ma Alessandro Ruggeri ha già l’esperienza giusta per diventare un elemento importante della nuova Reggina di Roberto Breda.
A raccontarlo è lui stesso, ai microfoni di Radio Touring: “Ho giocato dieci anni nelle giovanili del Milan, con una parentesi nella prima squadra, poi ho trascorso due stagioni al San Marino. Per due volte siamo arrivati ai playoff, ma non siamo riusciti ad essere promossi. A livello personale Il primo anno non è andato benissimo a causa di un infortunio, però l’esperienza in C2 mi è servita per formare il mio carattere. Ho fatto parte della nazionale under 17 di Rocca dell’under 19 di Piscedda. Sono un esterno mancino che può coprire tutta la fascia.  Mi piace soprattutto spingere e cercare la sovrapposizione”.
A volerlo all’ombra del titano fu Alberigo “Chicco” Evani che lo aveva già allenato ai tempi della primavera milanista.
Ma lui, nato a Cantù dove il basket è una religione, la sua carriera sportiva l’aveva iniziata cestista, prima che, ancora bambino, optasse per il calcio.

Il suo inserimento all’interno del gruppo amaranto è stato quasi immediato: “All’inizio ero un pò teso, era un ambiente nuovo ed io l’ultimo arrivato, invece ora mi sto trovando molto bene con i nuovi compagni. Gli hanno detto che questo è un bell’ambiente per i giovani, sono stato già qualche giorno a Reggio, si sta bene ed il calore del pubblico lo si avverte solo quando si va in campo.”.
Parole importanti anche per i nuovi compagni: “Ieri sull’esterno con me c’erano Campagnacci e Ceravolo, due giocatori che, palla al piede, sono fortissimi. Rizzato mi ha impressionato. E’ un giocatore che ha tanta umiltà, ma è un calciatore con una capacità aerobica fuori dal normale.  Spero non vada via come si dice”.
Infine un messaggio ai supporters amaranto: “Vorrei dire ai tifosi che non li deluderemo, il gruppo è unito e c’è tanta voglia di far bene”.