Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: seconda giorno di lavoro per la Reggina al S.Agata. De Rose e Castiglia: “Possiamo fare un’altra grande stagione”

Calcio: seconda giorno di lavoro per la Reggina al S.Agata. De Rose e Castiglia: “Possiamo fare un’altra grande stagione”

reggina_fotopreritiro20116

di Pasquale De Marte– Il terzo allenamento stagionale si chiude come quello di ieri pomeriggio, con i calciatori che palleggiano a piedi scalzi e si divertono con il pallone.  Ancora sorrisi, dunque, al Centro Sportivo S.Agata, per la Reggina di Roberto Breda che, comunque, continua a faticare sotto il profilo atletico agli ordini del preparatore atletico, il professor Giovanni Saffioti.

 

I calciatori continuano, in piccoli gruppi, a sottoporsi alle visite mediche, stamattina è stato il turno di Costa, Rizzato, Colombo, Rizzato, Adejo e  Cosenza.

Anche tattica questa mattina per gli amaranto, che hanno provato un centrocampo e un attacco a tre, a dimostrazione di come il 4-3-3, in questo momento, rappresenti la corsia preferenziale per quanto riguarda il modulo e considerati i tanti esterni d’attacco in rosa questa potrebbe essere la strada migliore.

Al termine della sessione di lavoro, a presentarsi ai microfoni del sito ufficiale della società amaranto sono stati De Rose e Castiglia.

Francesco De Rose: è fiducioso su quella che potrà essere la prossima stagione: “Il mister ha una voglia di lavorare contatgiosa e ci sono i presupposti per disputare un’altra grande stagione, ma dovremo partire bene per trovare la fiducia, che può essere decisiva in un campionato come la B dove regna l’equlibiro.  Ci sono tante squadre attrezzate, lo siamo anche noi ma dobbiamo far leva sulla coesione del gruppo. A centrocampo siamo in tanti, la grande competizione farà trarre giovamento alla Reggina.

Ivan Castiglia, invece, fa un passo indietro e torna sui playoff: “Abbiamo dimostrato di essere più forti del Novara, ma per loro la differenza l’ha fatta la continuità avuta durante la stagione che li ha portati al terzo posto. Con una posizione migliore sono riusciti ad approdare in finale con due pareggi. Noi ripartiamo da lì, con la convinzione di poterci ripetere. Ho iniziato la passata stagione con un infortunio, a dicembre ho cominciato a recuperare la migliore condizione.  Con il passare dei mesi sono cresciuto e, adesso, spero di dare il mio contributo, giocando una buona stagione”.