Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Grosseto-Reggina, parità nell’unico precedente. Due ex

Grosseto-Reggina, parità nell’unico precedente. Due ex

di Antonio Modafferi – Terzultima giornata di campionato per la Reggina che si appresta ad affrontare, domenica alle ore 15 in casa del Grosseto, il terzo impegno in una settimana dopo il pareggio interno contro il Varese e il vittorioso recupero di mercoledì con l’Albinoleffe.

Il confronto di andata fu vinto di misura dagli amaranto grazie alla rete del ghanese Dominic Adiyiah, a gennaio tornato al Milan che l’ha spedito in Serbia al Partizan Belgrado, al quarto della ripresa. Il Grosseto allenato da Michele Serena, terzo trainer della stagione dopo Apolloni e Moriero, è reduce dal pari esterno conquistato sul campo del Modena ed occupa una posizione abbastanza tranquilla in classifica, visti i suoi 49 punti frutto di 12 successi, 13 pareggi e 14 sconfitte.

Esiste un solo precedente tra Grosseto e Reggina, risalente allo scorso campionato, terminato in parità.

Penultimo turno della stagione 2009/2010, gli amaranto di mister Breda cercano al “Carlo Zecchini” punti pesanti per conquistare la salvezza contro i maremmani che si giocano le ultime labili chances per approdare ai play off. Dopo una prima frazione di gioco senza reti, la ripresa si accende subito con il vantaggio amaranto realizzato al 59’ da Nicolas Viola, che raccoglie una torre di Missiroli e supera Acerbis. Dopo soli cinque giri di lancette arriva anche il raddoppio, cross di Barillà libero di mettere in mezzo dalla destra e Vigiani mette dentro. Ma i padroni di casa non ci stanno e reagiscono immediatamente con il neo entrato Joelson, ex della partita, che sfrutta di testa un traversone proveniente dalla destra e dimezza le distanze, quindi in pieno recupero i ragazzi di mister Maurizio Sarri beneficiano di un calcio di rigore assegnato dal signor Gava per un presunto fallo di Cascione su Alfageme e capitan Consonni trasforma spiazzando Marino per il 2-2 finale che costringerà la Reggina a giocarsi la permanenza in serie B all’ultima giornata contro l’Albinoleffe al “Granillo”.

Due gli ex della sfida, uno per parte, ovvero Zizzari nella Reggina e Caridi nel Grosseto.

Il ventottenne attaccante Francesco Zizzari, che si è finalmente sbloccato in campionato realizzando la sua prima rete domenica scorsa contro il Varese, ha militato nel Grosseto per un anno, nella stagione 2006/2007, quando l’ex punta di Spezia e Ravenna contribuì con 32 presenze e 7 goal alla storica promozione in serie B dei toscani, allora guidati da mister Cuccureddu, che all’inizio del campionato aveva sostituito Massimiliano Allegri, attuale trainer del Milan.

Si può definire ex anche Gaetano Caridi, reggino di Mosorrofa, che è passato per il settore giovanile della Reggina ed ha sfondato altrove. Dopo 8 stagioni e mezza con la maglia del Mantova, con cui ha partecipato alla scalata dalla serie C2 alla serie B, sfiorando anche la A con i play off persi contro il Torino, il 30 enne trequartista questa estate, dopo il fallimento della società virgiliana, si è accasato in Toscana, dove sta mettendo in mostra tutto il suo valore, come testimoniano le 9 reti messe a segno in 26 partite disputate.