Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, serie B: Reggina proiettata alla sfida contro l’Albinoleffe, Atzori: “La gara di Torino ci ha dato sicurezze”

Calcio, serie B: Reggina proiettata alla sfida contro l’Albinoleffe, Atzori: “La gara di Torino ci ha dato sicurezze”

atzori_conferenzaDopo due piemontesi, sulla strada della Reggina ci sono due lombarde.  Albinoleffe in casa , Varese fuori.  Potrebbe essere questo lo snodo decisivo ai fini delle ambizioni playoff degli amaranto.

La gara di Bergamo contro i seriani è destinata  essere la cartina di tornasole per misurare definitivamente il livello della squadra dello Stretto, che, negli ultimi due turni di campionato, si è esaltata nell’emergenza e adesso dovrà ripetersi nell’abbondanza.

Sabato torneranno disponibili Cosenza, Rizzo e Bonazzoli, al ritorno dopo la squalifica.  Giacomo Tedesco, a cui sono bastati una ventina di minuti per essere decisivo contro il Novara, questa volta potrebbe essere disponibile sin dall’inizio.

Dopo gli allenamenti a porte aperte di lunedì e martedì,  la Reggina tornerà a lavorare a porte chiuse al centro sportivo S.Agata con due sedute pomeridiane (mercoledì e giovedì) e una mattutina (venerdì).

Abolite le doppie sedute per scelta del tecnico di Atzori, che, nella fase finale di un campionato estenuante come quello cadetto, non intende caricare ulteriormente di lavoro i suoi ragazzi e, stando a quanto visto contro il Novara, la scelta sembra pagare, visto che gli amaranto hanno corso a doppia velocità rispetto agli avversari.

Proprio il tecnico ciociaro, ai microfoni di Radio Touring 104, ha sottolineato l’importanza della condizione fisica nelle sue scelte: “La possibilità di fare delle scelte mi permette di mandare in campo chi sta meglio, visto che questo è un gruppo fatto da giocatori tutti potenzialmente titolari.  Stiamo bene fisicamente, la dimostrazione l’abbiamo avuta nelle ultime due gare”.

Tanti gli argomenti toccati dall’ex allenatore di Catania e Ravenna: “La gara con il Torino ci ha dato sicurezze che erano venute a mancare, ma rispetto alla partita dell’Olimpico contro il Novara non abbiamo commesso errori che ci hanno portato a perdere due punti.  Mi pare che i dieci punti di differenza tra noi e il nostro avversario di sabato non si siano visti,  adesso però dobbiamo tenere i piedi per terra.  In questo campionato nessuno può rilassarsi, perchè può succedere che il Siena perda in casa contro il Portogruaro”.

Quella contro l’Albinoleffe fu una gara che all’andata,  come contro il Novara, valse una sconfitta immeritata, Atzori se lo ricorda bene: “Quel match perso mi è rimasto sullo stomaco. Questa  potrà essere una motivazione in più.   Voglio che questi ragazzi crescano ancora e siano concentrati su un obiettivo che, oggi, è alla nostra portata, ma le insidie sono dietro l’angolo”.