Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Novara, amaranto imbattuti nei sette precedenti

Reggina-Novara, amaranto imbattuti nei sette precedenti

di Antonio Modafferi – Venerdì santo di campionato per la serie B e la Reggina che, dopo il colpaccio sfiorato in casa del Torino, alle ore 19 ospita il Novara. Furono i piemontesi ad aggiudicarsi il confronto di andata, giocato in posticipo serale, per 3-1,

un risultato assolutamente bugiardo vista la buonissima prestazione del collettivo di Atzori, reo soltanto di non essere stato cinico quanto i padroni di casa. Novara avanti con Scavone al 7’, raddoppio di Bertani al 49’, Cosenza riapre la partita di testa all’82, ma Gonzalez, al 91’, in contropiede chiude definitivamente i conti. La squadra di Tesser è reduce dal pari interno contro il Piacenza (2-2) e attualmente occupa la terza posizione in graduatoria con 60 punti, frutto di 15 vittorie, 15 pareggi e 6 sconfitte.

I precedenti tra Reggina e Novara sono 7, tutti disputati nel campionato cadetto tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta, perciò questo confronto ritorna dopo ben 37 anni di assenza . Il bilancio parla a favore degli amaranto che si sono imposti 3 volte, 4 i pareggi, mentre i piemontesi non hanno mai vinto a Reggio Calabria.

Il primo precedente risale alla stagione 1965/1966, il primo campionato di B della Reggina. Dopo la pesante sconfitta interna contro il Modena di sette giorni prima, la Reggina di Maestrelli, a tre giornate dalla conclusione, rifila un rotondo 3-0 al Novara, che porta le firme di Santonico, doppietta per lui, e Ferrario.

Amaranto vittoriosi ancora nel campionato successivo, quando la sfida contro i piemontesi capita alla seconda di campionato. Successo di misura, match winner ancora l’attaccante Giuseppe Santonico, mentre nel campionato 1967/1968, l’ultimo con Maestrelli in panchina, si regista il primo pareggio, la gara infatti terminò 0-0.

Dopo alcuni anni di pausa, Reggina-Novara torna nella stagione 1970/1971 e gli amaranto guidati da Piero Bizzotto non riescono ad andare oltre l’1-1. Va certamente meglio l’anno dopo, quando l’undici di mister Egizio Rubino sfrutta al meglio il fattore casa e riesce ad imporsi di misura, 1-0.

Nell’annata 1972/1973 la Reggina di Guido Mazzetti è costretta ad accontentarsi di un pari senza reti, infine nell’ultimo incrocio, datato campionato 1973/1974, ancora parità, questa volta per 1-1, nella stagione che si concluderà con la retrocessione degli amaranto in serie C dopo 9 anni di cadetteria.

Un solo ex, tra le file della Reggina, Francesco Cosenza, ma non sarà della partita in quanto appiedato per un turno dal giudice sportivo.

Il centrale amaranto ha indossato la casacca del Novara nella prima parte della stagione 2005/2006. Dopo il settore giovanile al Sant’Agata, il difensore nativo di Stignano Calabro fu mandato in prestito in C1 proprio alla società piemontese per cominciare a farsi le ossa, tuttavia fu una breve esperienza che durò soltanto fino a gennaio, quando, dopo essere sceso in campo soltanto una volta, venne spedito in C2 al Melfi.