Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: Serie B, il punto sulla trentaquattresima giornata

Calcio: Serie B, il punto sulla trentaquattresima giornata

di Antonio Modafferi – Splende il sole, soffia l’aria di primavera e arrivano i primi caldi su tutti i campi della serie Bwin arrivata alla trentaquattresima giornata.

Irresistibile l’Atalanta (67 punti), che tra le mura amiche serve il poker alla Triestina (30 punti) ultima in classifica. Per i nerazzurri vanno in rete il brasiliano Ferreira Pinto, capitan Doni dal dischetto, Tiribocchi e Bonaventura.

Viaggia ormai quasi a braccetto con gli orobici il Siena (66 punti) che nel posticipo si impone di misura sul terreno del Frosinone (33 punti) penultimo in classifica. Decisiva la rete di capitan Vergassola al 67′ che consegna ai bianconeri il terzo successo di fila.

Torna ad assaporare il gusto dei tre punti, dopo un lungo digiuno, il Novara (58 punti), sempre terzo in classifica. Per gli uomini di Tesser è sufficiente la rete di Bertani nel primo tempo per piegare di misura l’Ascoli (36 punti).

Il Varese (55 punti) torna dalla trasferta sul campo del Cittadella (37 punti) con un punto colto in extremis. Accade tutto nella seconda frazione: gli ospiti si portano in avanti con Carrozza, poi rimangono in nove per le espulsioni di Osuji e Pesoli, quindi tra 81′ e 88′ subiscono la rimonta dei padroni di casa firmata dalla punizione dello specialista Dalla Bona e dal rigore di Piovaccari, ma gli uomini di Sannino non si danno per vinti e pervengono al pareggio grazie al colpo di testa di Ebagua al 95′.

Secondo 1-1 consecutivo per la Reggina (49 punti), stavolta contro il Portogruaro (37 punti). Entrambi i goal nella ripresa: il vantaggio amaranto è realizzato da Bonazzoli, alla quindicesima marcatura stagionale, per i veneti è Altinier a siglare il pari di testa sugli sviluppi di un corner.

L’ultimo posto per accedere agli spareggi promozione è occupato ancora dal Vicenza (48 punti), che batte a domicilio un Piacenza (41 punti) in fase calante. I biancorossi veneti sbloccano il risultato con il bomber Abbruscato, gli emiliani impattano temporaneamente con Tommaso Bianchi, quindi Tulli sfrutta un autentico regalo di un difensore piacentino e Misuraca mette in ghiaccio la vittoria con un bel pallonetto.

Ai margini della zona play off si staglia minaccioso il Torino (47 punti), che centra il secondo successo consecutivo dopo il ritorno di Lerda in panchina. Contro il Grosseto (44 punti), nell’anticipo del venerdì, è Antenucci il match winner ad un quarto d’ora dal termine.
Brutta sconfitta casalinga per il Livorno (45 punti) di Novellino, che si fa superare in casa dal Modena (45 punti) sui titoli di coda. Per i canarini basta un goal di Pasquato per raggiungere in classifica i toscani e iniziare a sognare i play off, distanti solo tre lunghezze.

A quota 45 troviamo anche il Pescara, che all’ “Adriatico” sconfigge il Crotone (40 punti) per merito della prima rete in campionato dell’attaccante Christian Bucchi.
Goal e un punto a testa per Empoli (44 punti) e Padova (42 punti). Vantaggio toscano di Laurito dopo soli quattro giri di lancette, la squadra di Dal Canto reagisce bene, prima pareggia con il carioca De Paula, poi, in apertura di ripresa, mette la freccia con l’egiziano El Shaarawy, gli azzurri ristabiliscono la parità grazie alla bella rete di Valdifiori.

Per quanto riguarda la lotta per evitare la retrocessione, è certamente di grande importanza l’affermazione casalinga del Sassuolo (40 punti) ai danni dell’Albinoleffe (39 punti). Per i neroverdi risulta decisiva la perla, in pieno recupero e direttamente sul calcio di punizione, del centrocampista De Falco, non nuovo a prodezze del genere.

Infine nel tardo pomeriggio di martedì Crotone (40 punti) e Ascoli (36 punti) hanno recuperato la partita rinviata qualche settimana fa per impraticabilità di campo. I pitagorici sfruttano pienamente il fattore casa e superano i marchigiani, match winner il centrocampista Eramo sul finire del primo tempo.