Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Livorno, le pagelle di Strill.it

Reggina-Livorno, le pagelle di Strill.it

http://www.meteoweb.it/images/RegTornov10/4.jpg

PUGGIONI  6 – Pronto in uscita, poche parate impegnative.
COSENZA 6 – Bravo in marcatura, nessuna sbavatura.
COSTA 6 – Soffre un pò nel primo tempo, nella ripresa sale notevolmente di rendimento.
ACERBI  5,5 – Perde Dionisi in occasione del gol ed è un errore importante.
LAVERONE  5,5 –  Meglio in difesa che in attacco, contro una squadra che attaccava in superiorità numerica sulle fasce.
DE ROSE 5,5 –  Continua a non essere brillante come nelle prime settimane in maglia amaranto. Contro un centrocampo fisico come quello livornese non era facile.
MONTIEL 6,5 –  Piedi buoni e soprendentemente anche quantità. E’ una soluzione in più, forse troppo trascurata nel recente passato. 
RIZZATO 5,5 – Non spinge con la solita costanza e la squadra, nella parte iniziale della ripresa, soffre soprattutto dal suo lato e non solo per colpa sua, visto che spesso e volentieri mancavano dei raddoppi con la squadra sbilanciata per cecare il pareggio.
SARNO 6 – Capacità di saltare l’uomo, di inventare qualcosa e inserirsi tra le linee.  E’ un elemento che può tornare utile alla causa, soprattutto se riuscirà ad acquisire concretezza.
CAMPAGNACCI 6 –  Primo tempo pessimo, secondo assolutamete positivo.  Offre l’assist a Bonazzoli per il gol, finisce con i crampi.
BONAZZOLI 6,5 – Anima e cuore della squadra.  Il gol è solo la punta dell’iceberg del suo apporto alla causa degli amaranto.
COLOMBO 5,5 – Ha abituato il pubblico amaranto ad alternare prestazioni super ad altre negative. Oggi appare condizionato dall’aver subito una botta alla caviglia in settimana.
CASTIGLIA 6,5 –  Entra a gara in corso ed è bravissimo ad evitare almeno due conclusioni a botta sicura degli attaccanti livornesi che avrebbero potuto chiudere la gara.
N. VIOLA S.V.
ATZORI 6
– Non convince la decisione di cambiare troppo, scardinando anche alcune certezze, alla vigilia di una sfida delicata come quella contro il Livorno. Ha il merito,  con le sostituzioni, di creare i presupposti per il pareggio che arriva meritatamente.