Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, la Reggina scrive ai suoi tifosi e li chiama al Granillo

Calcio, la Reggina scrive ai suoi tifosi e li chiama al Granillo

 

tifogrande5.jpg

 

da www.regginacalcio.com

2465’ di passione e sudore. Vittorie esaltanti, dal 3-2 al Vicenza al trionfo di Trieste, l’entusiasmo della nostra gioventù, il desiderio di stupire e stupirvi. Le motivazioni di chi, arrivando qui, ha visto la Reggina come l’occasione della vita e la spinta in più che, chi è nato e cresciuto qui, calabrese come voi, ha nel vestire la maglia che ama.

Sabato l’Atalanta. La capolista. Una sfida ricca di fascino, 90’ cui teniamo tantissimo. Una gara memorabile per chi ha la Reggina nel cuore.  2 giugno 2003: al confronto tra Atalanta e Reggina è legata una della gioie più vibranti della storia recente di questo club. Quella gara porta le firme di due di noi, il capitano di un tempo e quello di oggi, Ciccio Cozza ed Emiliano Bonazzoli. Loro, prima di tutti, sono fermamente convinti che questa partita meriti una cornice adeguata. In molti, in questo gruppo, hanno vissuto il Granillo pieno, tutti lo abbiamo visto in tv. Un catino ribollente di passione, “il vulcano”, come lo descrivevano i giornali. Il nostro stadio è la carta che abbiamo da giocare in vista di questo finale di stagione.

Oggi abbiamo

 

bisogno di esser travolti e sostenuti da questo meraviglioso affetto. E’ il momento di farci sentire, concretamente, il valore che date alla maglia che rappresenta Reggio in Italia. C’è solo un modo per vivere questo momento insieme.

Il Granillo. Il

 

teatro dei vostri, dei nostri sogni.

Vogliamo crescere. Possiamo, dobbiamo, vogliamo farlo con voi.  Vento alle spalle, in grado di farci volare sulle ali del vostro entusiasmo, scudo sul quale fare affidamento nei momenti di difficoltà. Incontriamoci allo stadio. Voi sulle tribune, noi in campo: affrontiamo insieme l’A

 

talanta. Abbiamo vinto, perso, pareggiato. Ma non abbiamo fatto mancare, mai, il nostro coraggio. Non possiamo promettervi i tre punti ma solo tutto l’impegno che questa squadra è in grado di proporre e l’orgoglio che possiamo esprimere. Parliamo a te, nato amaranto. Vogliamo renderti fiero di noi. Indipendentemente dal risultato. Sempre.

Noi ci siamo… e tu?
Il capitano Emiliano Bonazzoli
Il mister Gianluca Atzori