Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio. Reggina , Atzori: “Contro il Crotone ci attende una sfida difficilissima”

Calcio. Reggina , Atzori: “Contro il Crotone ci attende una sfida difficilissima”

atzori4

Alla vigilia della sentita contro il Crotone, il tecnico della Reggina Gianluca Atzori si esprime sul possibile atteggiamento tattico dei suoi nella gara dello Scida: “In settimana ho lavorato tantissimo sullo stesso modulo con cui abbiamo affrontato il Sassuolo, ma stiamo provando anche un’altra soluzione che

potremo adottare a partita in corso.. Ho sempre avuto in mente un modulo alternativo. Avere tutti a disposizione mi dà il vantaggio di avere la possibilità di scegliere. Ho constatato che giocando a cinque subivamo troppo, abbiamo provato a farlo a quattro avendo delle risposte molto positive in allenamento di cui non abbiamo avuto riscontro nella partita di sabato, a parte il fatto che non abbiamo subito gol”.

L’allenatore ciociaro prova anche a fornire delle spiegazione sulla prova poco brillante degli amaranto contro gli emiliani nell’ultima gara: “Dobbiamo assimilare bene certi meccanismi, in fase di possesso palla abbiamo sbagliato tanti passaggi perché i ragazzi, in campo, non si ritrovavano come nel precedente atteggiamento tattico, ormai consolidato. Non abbiamo avuto i ritmi che speravo e volevo, non certo per mancanza di motivazione o scarsa condizione fisica, ma perché si deve lavorare sul nuovo schieramento. Quello che avete visto era un 4-3-1-2 con Missiroli che agiva sul centro destra dietro Bonazzoli ed Adiyiah. Novità di formazione? Può darsi, perché in settimana qualcuno l’ho visto molto in ripresa, poi Nino Barillà è squalificato e dovremo sostituirlo”.

Inevitabile un giudizio sull’ultimo arrivato al S.Agata: “Bernardi è un ragazzo giovane che cercavamo da questa estate. Ha una buonissima corsa e lavoreremo perché, giocando a quattro, dovrà adattarsi a giocare da terzino e a coprire tutta la fascia”.

Atzori non nasconde di temere le insidie della gara di Crotone: “E’ una partita difficilissima, si gioca in un campo molto stretto e i ritmi saranno molto alti. Visto e considerato che è la prima di ritorno mi aspetto una gara che ci permetta di ritrovare la convinzione di potersela giocare con tutti. Questo è quello che voglio, magari ripetendo la prestazione dell’andata che fu la prima in assoluto in questo campionato, dove iniziammo a a far mettere da parte a tanti lo scetticismo che ci aveva accompagnato inizialmente.”.

Chi sta facendo le fortune del Siena è invece quel Brienza che ha lasciato la Reggina nelle ultime ore del calciomercato estivo: “La realtà è che Franco che non voleva restare a Reggio, aveva bisogno di cambiare aria dopo tanti anni per cercare nuovi stimoli. Mi ha detto subito che non se la sentiva di rimanere e che il suo ciclo qui era finito. In me c’è il rammarico di non averlo potuto avere sia per le qualità indiscutibili come calciatore, ma soprattutto perché gli voglio bene. Inutile negare che con Bonazzoli le sue caratteristiche si sarebbero sposate perfettamente”.

.