Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Grosseto, le pagelle di Strill.it

Reggina-Grosseto, le pagelle di Strill.it

adiyiahPUGGIONI 6,5 – Chiamato ad un’uscita molto impegnativa, lui c’è e salva il risultato.

ADEJO 6,5 – Offre una prestazione positiva dopo le sbavature di Novara e Varese.

COSENZA 6 – Gioca con un naso rotto, commette due errori che si possono perdonare per l’attaccamento dimostrato e per il risultato arrivato comunque, anche con un pizzico di fortuna che ha evitato che i suoi sbagli potessero essere fatali.

ACERBI 6.5 – La domanda è la solita: cosa ci faceva in Seconda Divisione fino alla scorsa stagione?

LAVERONE 6,5 – Si rivede il Laverone di inizio stagione. Copre, spinge e crossa.

RIZZO 6,5 Pressa gli avversari a tutto campo, ogni tanto agisce anche da regista, anche se non sempre con precisione.

CASTIGLIA 6,5 – Ritrova il calcio giocato e una partita dall’inizio, tralasciando la Coppa Italia, dopo dieci mesi e non era facile farsi trovare pronto. Lotta su ogni pallone, offre qualche geometria importante e innesca la manovra del gol con un grandissimo lancio per Rizzato.

RIZZATO 6,5 Offre qualche pallone interessante per gli attaccanti che troppo spesso si pestano i piedi e prende parte anche lui alla rete che vale tre punti.

SY 6 Che abbia un rapporto conflittuale con il gol lo si era capito da tempo, oggi però soprattutto in fase di manovra dimostra di poter essere utile alla Reggina. Non è sicuramente fortunato, quando solo davanti a Narciso, è vittima di un rimbalzo imprevedibile del pallone.

ADIYIAH 7 – Segna il gol vittoria, mettendo al servizio della squadra vivacità, capacità di saltare l’uomo, imprevedibilità e capacità di dettare il passaggio in profondità. Deve migliorare in tanti aspetti, nonostante tutto.

CAMPAGNACCI 6 – Si muove bene, a volte è impreciso ma serve l’assist della rete di Adiyiah,

VIOLA S.V.

DANTI S.V.

COLOMBO S.V.

ATZORI 6,5 – La Reggina aveva bisogno di cambiare qualcosa in attacco e la scelta delle tre punte rapide davanti sortisce gli effetti desiderati. Le assenze di Costa, Tedesco, Bonazzoli e Missiroli, senza dimenticare il momento difficile, amplificano l’importanza della vittoria conquistata contro il Grosseto.

p.d.m.