Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Albinoleffe, amaranto vincenti nell’unico precedente. Due ex

Reggina-Albinoleffe, amaranto vincenti nell’unico precedente. Due ex

di Antonio Modafferi – Nonostante la festività, mercoledì 8 dicembre alle ore 15 la Reggina recupererà la partita contro l’Albinoleffe, valida per la diciassettesima giornata di campionato, precedentemente rinviata a causa dell’impegno dei seriani in coppa Italia contro la Lazio, per la cronaca perso 3-0.

L’undici guidato in panchina da quella vecchia volpe che di nome fa Emiliano Mondonico è reduce dal successo interno ai danni dell’Empoli per 2-0, firmato dalla doppietta di Cissè, e attualmente ha 19 punti in classifica, appena una lunghezza sulla zona play out.

Esiste un solo precedente tra le due formazioni, risale allo scorso campionato e vide la Reggina imporsi per 3-1.

Domenica 30 maggio 2010, ultima partita della stagione 2009/2010. La Reggina di Roberto Breda cerca in casa i 3 punti per la salvezza matematica dopo un campionato ben al di sotto delle aspettative e dei proclami di inizio stagione, tant’è che la squadra, programmata per l’immediata risalita in serie A, si è trovata invischiata nella lotta per non retrocedere. Contro un’Albinoleffe che non ha più nulla da chiedere al campionato, in quanto già salva, ed imbottita di seconde linee e di giovani, i fantasmi della Lega Pro vengono immediatamente scacciati da Biagio Pagano, all’asciutto addirittura da gennaio (Padova 0-1 Reggina), che dopo sei minuti arpiona un pallone in mezzo all’area proveniente dalla sinistra e trafigge la porta difesa da Offredi con un bel diagonale di sinistro. Dopo una traversa degli ospiti con un colpo di testa di Torri con Marino battuto, gli amaranto raddoppiano al 22’ con Simone Missiroli, abile a mettere dentro dopo una corta respinta del portiere ospite su tiro dello scatenato Pagano; per il centrocampista di Gallina è il settimo centro stagionale. Il terzo goal della Reggina giunge al 33’, firmato sempre dall’ex esterno del Rimini, ora al Livorno, il quale raccoglie un suggerimento di Bonazzoli e di destro mette dentro l’undicesimo centro stagionale che gli consente di raggiungere Brienza come migliore marcatore amaranto del campionato. I seriani non ci stanno e, dopo un palo centrato da Foglio, siglano il punto della bandiera al minuto numero 42 grazie ad Omar Torri.
Nel secondo tempo succede poco o nulla, gli amaranto ci provano ancora con Pagano e Montiel ma senza risultati, all’89’da segnalare l’esordio in serie B del portiere della Primavera amaranto, l’ungherese classe 1991 Adam Kovacsik, mentre per il capitano Maurizio Lanzaro, in scadenza di contratto, quella contro l’Albinoleffe è l’ultima partita con la maglia della Reggina dopo 5 anni di militanza, collezionando 146 presenze e due reti.
Al triplice fischio di Giannoccaro dagli spalti piovono fischi sui giocatori, principali responsabili di un’annata disastrosa e in Curva Sud compare un eloquente striscione che recita: ”Al 90’ via tutti. Vergogna mercenari”.  
Con questi tre punti la Reggina di Breda si assicura la permanenza in B con 54 punti che valgono il 12°posto in classifica.

Sono due gli ex dell’incontro, uno per parte, Bombardini nell’Albinoleffe e Colombo nella Reggina   

Davide Bombardini
, estroso centrocampista 36enne, ha vestito l’amaranto in due occasioni. Prelevato dal Benevento, fa parte della Reggina edizione 1997/1998, ma rimane a Reggio soltanto fino ad ottobre, collezionando sei presenze prima di essere ceduto in prestito all’Atletico Catania, in C1. Nella stagione successiva torna in amaranto e mette insieme 13 apparizioni, ma la società a gennaio decide di mandarlo via nuovamente, complice anche l’arrivo di Ciccio Cozza dal Lecce, questa volta all’Acireale, sempre in C1. Bombardini esploderà successivamente a Palermo prima di spiccare il volo addirittura alla Roma, quindi Salerno, Bergamo e Bologna le ultime tappe di un’importante carriera, fino all’arrivo, a gennaio di quest’anno, all’Albinoleffe.

Riccardo Colombo
, difensore esterno destro classe 1982, ha militato tra le file dell’Albinoleffe per 4 stagioni e mezza. Acquistato dalla Pro Patria, società nella quale è cresciuto, nella stagione 2003/2004, rimane in Lombardia fino al gennaio 2008 quando viene acquistato dall’Udinese, alla ricerca di un esterno in grado di sostituire l’ex amaranto Mesto, infortunato. Con la maglia dei seriani è sceso in campo 146 volte realizzando 4 reti.

Ultima curiosità. Anche l’anno scorso la Reggina ha giocato l’8 dicembre. Era il recupero della quattordicesima giornata di campionato e il lanciato Sassuolo sbancò il “Granillo” con un goal per tempo (0-2, 40’ Polenghi, 64’ Noselli).