Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Reggina-Albinoleffe, Atzori annuncia novità di formazione e avverte: “Serve la giusta mentalità”

Calcio, Reggina-Albinoleffe, Atzori annuncia novità di formazione e avverte: “Serve la giusta mentalità”

di Pasquale De Marte – La Reggina vuole tornare a correre contro l’Albinoleffe.  E’ quanto traspare dalle parole di Gianluca Atzori alla vigilia della sfida con i seriani nella consueta conferenza stampa della vigilia in cui sono stati toccati vari temi.

LA PERICOLOSITA’ DELL’ALBINOLEFFE–  “E’ una squadra che può far bene dappertutto, a maggior ragione dobbiamo arrivare a questa gara con la mentalità giusta, mettendo in campo motivazioni superiori a quelli dei nostri avversari, contrariamente a quanto avvenuto a Varese dove l’avversario ha messo più corsa, più grinta, più voglia, in pratica ha fatto quello che ha sempre fatto la Reggina fino alla settimana prima. Stanno attraversando un buon momento.  Per quanto riguarda la nostra formazione credo che ci saranno delle novità”.

NESSUN CASO TEDESCO –  “Giacomo era nella lista dei diciotto, ma subito dopo pranzo ha avuto una colica renale, problema che aveva già accusato giovedì. Ha fatto un’ecografia, ancora qualcosa si vede, vediamo se le cose miglioreranno al punto da poter beneficiare del suo contributo domani. Ad oggi credo di si.  Sono state fatte supposizioni perchè è facile parlare quando le cose non si sanno, nessuno mi ha fatto la domanda altrimenti nel dopo partita avrei chiarito la situazione”.

INCAPACITA’ DI TROVARE LA PORTA – “Le soluzioni per fare gol possono anche essere un calcio piazzato, una giocata individuale,  un tiro da fuori. Io più che mettere due attaccanti ed un centrocampista che attacca la porta come Missiroli non posso fare. A parte Varese dove non abbiamo creato niente, mi pare che questa squadra abbia anche prodotto delle occasioni nelle partite precedenti. Non si può chiedere ad uno dei nostri giovanotti di belle speranze di diventare subito Bonazzoli, basterebbe che uno di loro facesse la metà di quello che ha dimostrato Emiliano per esserne soddisfatti. Sono convinto che tra qualche anno questi ragazzi faranno parlare di se”.

SCONTRI DIRETTI –  “Non ho preso in considerazione il fatto che con le prime otto abbiamo conquistato solo tre punti, anche perchè non guardo neanche la classifica.  A Bergamo meritavamo di perdere e per poco non vincevamo, questo dimostra che è inutile guardare questi aspetti ma meglio soffermarsi sulle singole prestazioni”.

CALO  DELLE ALTRE E DELLA REGGINA -“Credo sia normalissima una flessione dell’Empoli dopo quindici partite, così come la nostra partita di Varese può essere vista come una pausa. La bravura e la forza di un gruppo, di una squadra si vede con il modo e la tempistica con cui si esce da questi momenti. Tutte le squadre hanno avuto un calo, tranne il Novara. La migliore medicina sono i tre punti”.

GIOSA – “Antonello si allena regolarmente con noi da una settimana dopo il fastidio al tallone che ha avuto, a Firenze c’era in programma di fargli fare un tempo, poi la brutta partita non mi ha consentito di fare questo. Lo considero un leader all’interno dello spogliatoio per come si comporta e per come parla”.