Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: la Reggina sconfitta a Firenze e fuori dalla Coppa Italia

Calcio: la Reggina sconfitta a Firenze e fuori dalla Coppa Italia

babacarSi interrompe a Firenze il cammino in Coppa Italia per la Reggina di Atzori che, al cospetto dei più quotati avversari viola, subisce una sconfitta ampiamente pronosticabile alla vigilia vista la differenza di valori in campo.  In un Franchi semideserto gli amaranto pagano a caro prezzo delle ingenuità in fase difensiva e la poca incisività in attacco in assenza di Bonazzoli, pecca ampiamente palesata nel recentissimo passato.

LE SCELTE – Mihajlovic si affida alla potenza di Babacar in attacco, alle geometrie di Zanetti in mezzo al campo e alla solidità di Kroldrup e Felipe in difesa.  Atzori dà prevalentemente spazio a chi ha giocato meno in stagione fino ad ora, dunque schiera la coppia di attaccanti  formata da Adiyiah  e dal brasiliano Louzada (classe ’94) con Danti a supporto, c’è invece Castiglia al fianco di Tedesco sulla linea mediana con Rizzato e Laverone sulle fasce.

DIVERSE AMBIZIONI, MA… – Basta leggere gli undici titolari dei padroni di casa per capire come i viola alla Coppa Italia ci tengano davvero, soprattutto perché potrebbe garantire  l’accesso all’Europa dalla porta di servizio visto il non certo esaltante rendimento dei toscani in massima serie.

Per almeno mezz’ora  la Reggina tiene bene il campo, mette in mostra buone trame di gioco confermando di essere una buona orchestra, nonostante gli interpreti siano diversi da quelli soliti del campionato.

MICIDIALE TRIS  – Al 27’ Verruschi non sale lasciando Babacar in posizione regolare che, assistito ottimamente da Carraro, firma il suo secondo gol in Coppa trafiggendo Kovacsik.

Al 43’ su corner battuto dalla sinistra Marchionni si fa trovare in perfetta solitudine sul secondo palo per il raddoppio gigliato.

L’ex esterno della Juventus, in avvio di ripresa, recupera palla a centrocampo e serve in profondità Cerci che supera Verruschi e col sinistro rende vana l’uscita del portiere ungherese di Atzori.

FINALE – Tra il primo ed il secondo tempo c’è la staffetta tra Rizzato e Colombo, schierato per la prima volta a sinistra, mentre nell’ultima parte di gara Atzori concede qualche minuto a Sy e Zizzari.

Castiglia impegna Avramov con una bella punizione, poi lo stesso Sy  sbaglia una buona occasione poco prima che il neoentrato Seferovic si veda negare la gioia del gol da Verruschi che intercetta sulla linea il pallonetto dello svizzero su Kovacsik.

Negli ultimi minuti l’arbitro Russo espelle Tedesco per un fallo su Comotto.

Sulla strada della Fiorentina, negli ottavi di finale, adesso c’è il Parma.