Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: la Reggina fatica, ma piega il Portogruaro con Missiroli (1-0)

Calcio: la Reggina fatica, ma piega il Portogruaro con Missiroli (1-0)

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:mGDveLQoEG_SXM:http://img686.imageshack.us/img686/169/missiroli.jpg&t=1

di Pasquale De Marte – Una Reggina poco brillante torna alla vittoria e lo fa contro un generoso Portogruaro che per quasi novanta minuti ha reso la vita durissima ai padroni di casa. La firma sull’incontro è quella di capitan Missiroli che regala ai suoi una vittoria fondamentale, in una gara che sembrava destinata allo zero a zero.

SENZA PUNTA DI DIAMANTE – La partita degli amaranto comincia già in salita per via dell’assenza di Emiliano Bonazzoli (risentimento muscolare all’adduttore durante la rifinitura), Atzori lo rimpiazza con Zizzari. Viviani sceglie un robusto centrocampo a rombo con Espinal vertice alto, mentre in avanti Cunico gioca in appoggio a Gerardi.

OCCASIONI La Reggina appare subito lontana dall’essere nella sua giornata migliore, il Portogruaro chiude tutti i varchi e sfondare diventa difficile, soprattutto perché davanti l’assenza di una torre si fa sentire. Nonostante tutto, sono però i padroni di casa ad avere le occasioni migliori. Al 15’ Colombo serve al volo Campagnacci in area, che anticipa tutti sul primo palo e vede il suo destro a botta sicura respinto d’istinto dal portiere Rossi. Tre minuti dopo gli ospiti si rendono pericolosi con un tiro dai venti metri di Espinal sul quale Puggioni vola a deviare in angolo la sfera, prima che Missiroli, imbeccato da un corner di Viola, sfiori il palo di testa al minuto numero ventidue.

DIFFICOLTA’ – I veneti si dimostrano una squadra molto ostica che non tira mai indietro la gamba, gli amaranto fanno fatica e si dimostrano lenti nei cambi di gioco, imprecisi in fase di suggerimento e poco tranquilli in azioni di disimpegno piuttosto semplici. Lo scenario non è assolutamente catastrofico, ma sicuramente diverso da quello delle precedenti gare giocate al Granillo.

POCHE CONCLUSIONI – Nella ripresa la Reggina è padrona del campo, ma questo non basta per sbloccare un risultato, soprattutto se le conclusioni verso la porta latitano. Le azioni più pericolose per gli amaranto nascono dagli esterni: un colpo di testa alto di Rizzato su servizio di Colombo, due tiri-cross di Rizzo e Campagnacci sventati dal portiere.

CAMBI POCO PROFICUI, ANZI NO Atzori cerca risorse in panchina ed inserisce Tedesco, Barillà e Sy al posto di Viola, Rizzato e Zizzari. Gli innesti non sortiscono gli effetti sperati, ed anzi, complice anche un inevitabile calo fisico generale della squadra, la morsa dei padroni di casa nei confronti degli avversari si allenta vistosamente. Nel finale di gara, nel momento in cui i tentativi del Portogruaro di addormentare la gara sembrano avere successo, arriva il gol vittoria. A tre minuti dal termine: punizione di Costa, sponda di Colombo e Missiroli, in perfetta solitudine, regala i tre punti alla Reggina, finalizzando l’azione di interno sinistro.