Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Pescara, le pagelle di Strill.it

Reggina-Pescara, le pagelle di Strill.it

PUGGIONI 6 – Non è chiamato a parate impegnative, ma continua a dimostrarsi affidabile e sicuro.

ADEJO 6 Nel primo tempo commette qualche sbavatura, cresce alla distanza.

COSENZA 6 – Torna al centro della difesa e torna ad esserne il leader. Non teme il confronto con gli avversari e quando li soffre, magari in velocità, se la cava con il mestiere. Alcuni tra i suoi interventi più decisivi in scivolata incendiano l’entusiasmo della folla.

COSTA 6 Schierato al posto di Acerbi, sembra non risentire più di tanto del prolungato periodo di inattività.

LAVERONE 7 Che la sua specialità fosse arrivare vicino al fondo e crossare lo si è capito sin dall’inizio, ma che col tempo stia trovando il modo di farsi valere anche in fase difensiva è, per lui, è sinonimo di grande crescita. Il suo salvataggio sulla linea, nel finale, vale tre punti.

RIZZO 6,5 Non si ferma mai, gli avversari rischiano di ritrovarselo nei loro incubi. Nel primo tempo è un pò precipitoso in fase di possesso,

TEDESCO 6,5 Gioca una partita alla sua altezza soprattutto nel secondo tempo.

RIZZATO 7 – E’ un giocatore trasformato rispetto alla scorsa stagione. Strappa applausi e continua a collezionare assist.

BARILLA’ 6 Chiamato a svolgere il ruolo di incursore avanzato di centrocampo, fa quello che può in  una posizione di campo che non gli appartiene.

MISSIROLI 6,5 Nel primo tempo sfiora la rete del vantaggio giocando da punta, nel secondo tempo gioca quasi a tutto campo giocando tantissimi palloni, molti dei quali nel modo giusto.

BONAZZOLI 7 – Per un’ora di gioco è quasi assente dalle dinamiche del gioco, poi segna e sale in cattedra.

CAMPAGNACCI 7 – Cambia la partita, colpisce un palo, per due volte impegna seriamente il portiere e innesca l’azione del gol.

ACERBI 6 – Entra e dà il suo contributo, rischia di essere protagonista per la sfortunata scivolata in occasione della più clamorosa delle occasioni avute dal Pescara per il pareggio, ma gli va bene.

MONTIEL S.V.

ATZORI 7– Le scelte iniziali non convincono, quelle fatte a partita in corso sono quelle che spostano gli equilibri della partita.

(p.d.m.)