Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Piacenza, le pagelle di Strill.it

Reggina-Piacenza, le pagelle di Strill.it

 

PUGGIONI 7 – Salva il risultato con tre interventi decisivi e offre grande sicurezza al reparto difensivo.

ADEJO VOTO 7 – Limite invalicabile per gli attaccanti piacentini, continua ad essere uno dei migliori in campo.

 

COSENZA VOTO 6,5 – Sempre attento in difesa, si toglie la soddisfazione di segnare il primo gol in maglia amaranto.

ACERBI VOTO 6,5 – Agli albori di questa stagione sembrava quello che faticasse di più tra i difensori, ma più le partite passano più il suo rendimento cresce.

LAVERONE VOTO 6 – Meno appariscente e tambureggiante del solito, gioca una prova di grande intelligenza tattica.

VIOLA VOTO 6 – Così così nelle prime uscite, bene contro il Piacenza.  Inizia con un po’ di timore, poi cresce alla distanza e il suo sinistro torna ad essere quello preciso che tutti conoscono. Sforunato in occasione del palo colpito. E’ nelle sue possibilità fare ancora meglio.

RIZZO VOTO 6,5 – La freschezza dei suoi diciannovve anni gli consente di correre senza sosta per  novanta minuti più recupero pressando chiunque gli venga a tiro e a questo si aggiunge, spesso, un’ottima gestione del pallone.

BARILLA’  6,5 – Strappa applausi con il suo gran gol, nella prima frazione spinge con costanza, nella ripresa abbassa la sua posizione ed attacca di meno.

MISSIROLI 6 – Il suo avvio di partita non è positivo, fa il Missiroli solo nella parte centrale della gara e commette qualche ingenuità non da lui nel finale

ZIZZARI  6 – Si cerca e si trova costantemente con Bonazzoli, subisce tanti falli e cerca la via del gol, ma scarsa fortuna.

 

BONAZZOLI  6 – Lotta come un leone, gioca per la squadra e dimostra di avere una buona intesa col compagno di reparto.

CAMPAGNACCI 6 – Buon impatto sulla gara, ma potrebbe avere maggiore incisività in area di rigore.

BURZIGOTTI  6 – Rimpiazza Cosenza e non lo fa rimpiangere.

TEDESCO S.V. Ovazione del pubblico per lui e una buona occasione fallita.

ATZORI VOTO 6,5 – La sua Reggina cresce e  i giocatori sanno spesso cosa fare con la palla.  I problemi nascono dall’assenza di concretezza in attacco, il troppo spazio lasciato agli avversari è probabilmente la conseguenza di un gioco votato all’offensiva.