Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio: Reggina, ecco Danti, Colombo e Adiyiah

Calcio: Reggina, ecco Danti, Colombo e Adiyiah

 

di Pasquale De Marte – E’ giorno di presentazioni in casa Reggina.   Riccardo Colombo,  Domenico Danti e Dominic Adiyiah sono gli ultimi arrivati, ma con le loro dichiarazioni danno l’idea di essersi calati perfettamente nella mentalità che si che si richiede alla nuova Reggina di Atzori che da oggi potrà contare anche su Giacomo Tedesco, reintegrato in rosa.

 

COLOMBO – L’ex esterno di Albinoleffe e Torino, arriva in amaranto a parametro zero, dopo essersi svincolato dai granata per firmare un triennale con la società amaranto.

“Volevo andar via, era finito un ciclo. Avevo un ventaglio di soluzioni tra cui la possibilità di tornare all’Albinoleffe o andare a Vicenza, ma è stato inevitabile scegliere Reggio per il blasone di una piazza che ha fatto tanti anni di serie A e dove intendo rimettermi in gioco”.

Così Colombo ha voluto sottolineare le situazioni di calciomercato che lo hanno portato a sposare la Reggina, prima di parlare della sua collocazione tattica: “Sono un esterno di fascia destra, ma all’occorrenza posso essere impiegato a sinistra. Ho accumulato quasi duecento presenze in serie B, penso di poter dare un po’ d’esperienza a questa squadra di giovani, in cui, pur non essendo così avanti negli anni, sono uno dei più vecchi. Penso che questa squadra abbia la qualità per poterci togliere molte soddisfazioni. Tutti i miei compagni mi hanno parlato bene di mister Atzori”.

“Vengo da un’annata in cui ho passato sei mesi di inattività a causa di tre infortuni, poi sono andato a Trieste dove ho anche fatto un gol decisivo alla Reggina. Ho fatto il ritiro con il Toro, ma ero fuori rosa, dunque fisicamente sto bene, ma mi manca il ritmo partita”.

DANTI – Il suo vecchio mister, il reggino Domenico Toscano, lo considera un giocatore con grande potenziale, lui sorride e ricorda: “Lui mi ha voluto a Cosenza facendomi acquistare dalle giovanili del Rende, insieme abbiamo vinto il campionato di serie D e di C2. Sono contento che abbia parlato bene di me,  anceh perché abbiamo insieme tre anni in cui i suoi consigli mi hanno aiutato a crescere”.

Il giovane cosentino ha la sicurezza di chi non teme il confronto con un campionato di categoria superiore  e ha le idee chiare sulla sua collocazione tattica: “ Non sono preoccupato nel dovermi confrontare con avversari più quotati, perché anche la prima divisione è un torneo particolarmente impegnativo.  Posso giocare come trequartista, ma anche da esterno offensivo”.

Infine, spazio per le sensazioni e le promesse: “Per un calabrese, come me, indossare questa maglia è un onore e intendo dare tutto. Davanti avrò molta concorrenza,  chi vuole il posto dovrà guadagnarselo ed io farò di tutto per convincere mister Atzori”.

ADIYIAH –  Capocannoniere e miglior giocatore degli ultimi mondiali under 20, arriva a Reggio con l’intenzione di riguadagnarsi la fiducia del Milan, detentore del suo cartellino.  Non parla ancora l’italiano, ma ha sicuramente ottime referenze.

Anche per lui è il momento di parlare delle sue caratteristiche: “Sono un elemento veloce, mi piace buttarmi negli spazi e crearne per i compagni. Mi piace giocare dietro al centravani. A Siena non era facile integrarmi subito  nel nostro assetto, ma col tempo penso che le cose potranno migliorare”.

Sei uomini offensivi per i due, forse tre, posti  da titolare per gli attaccanti, la concorrenza non è però un problema: “Bisognerà dare il massimo per giocare, questo può essere un vantaggio per la squadra. Il mio obiettivo è raggiungere il massimo con questa maglia, per tornare ad alti livelli”.

Infine, c’è spazio per qualche battuta:” Per quale squadra tifo ? In questo momento per la Reggina.  Problemi di comunicazione? Cercherò di imparare la lingua il più velocemente possibile…”.