Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Calcio, Atzori: “La mia Reggina è pronta per il debutto”

Calcio, Atzori: “La mia Reggina è pronta per il debutto”

 

 

 

 

 

 

 

 

MENO UNO – Alla vigilia di Reggina-Crotone, gara d’esordio per amaranto e rossoblù nel campionato di serie B, Gianluca Atzori   non fa nulla per nascondere tutta la sua voglia e sembra quasi che a scendere in campo debba essere lui:  “ Non vedo l’ora di iniziare. In questo mese e mezzo abbiamo lavorato tanto,  la nostra condizione non è ancora al cento per cento,  ma i ragazzi sanno cosa devono fare e ciò che voglio da loro, siamo pronti”.

LA PARTITA –  “Punteremo sul giusto equilibrio,  abbiamo lavorato su entrambe le fasi.  Il Crotone è una squadra che non ha cambiato molto rispetto allo scorsa stagione,  ci stiamo preoccupando di loro nei giusti limiti, però penso che anche loro debbano preoccuparsi di noi”.

ATTEGGIAMENTO –  “In questa squadra non ci sono titolari, gioca chi dal lunedì al venerdì mi dimostra di meritarsi il posto.  E’ chiaro che in campo va chi sa giocare meglio al pallone, ma se non si è in condizione o non mi viene dimostrato il giusto impegno si resta fuori.  Poi magari vado via, ma intanto intendo portare avanti questa filosofia.   I ragazzi intendono riportare l’entusiasmo tra i nostri tifosi, ci serve la giusta umiltà,  siamo una squadra giovane e non dobbiamo essere caricati di responsabilità”.

IL MODULO E SITUAZIONI INFORTUNATI – “E’ da un mese che lavoriamo sulla difesa a tre o a cinque, sarei un pazzo se mi presentassi domani col 4-3-3 o con un altro schieramento. Non saranno della gara gli infortunati di lungo corso come Castiglia, Giosa, Costa e  Marino.”.

MOTIVAZIONI – “Chi resta qui deve avere le giuste motivazioni, quelle che  sono state messe in mostra contro l’Alessandria, dove, seppur con un avversario di caratura inferiore, pochi si sono accorti di aver giocato gran parte della gara in inferiorità numerica.   Possiamo fare due esempi:  Puggioni che ormai ha sposato il nostro progetto non c’è più nessun punto interrogativo e come se non bastasse la lunga corsa per abbracciare Zizzari ne è un’altra dimostrazione, così come lo stesso Bonazzoli”.

CALCIATORI FUORI ROSA –  “Non entro nel merito di questioni che possono riguardare la società ed i calciatori, perché in quelle situazioni ognuno fa il proprio interesse.  A me interessa valutarli sul campo, non conta il nome che portano sulla maglietta.  Per adesso sono contentissimo di questi ragazzi, vedremo dopo la chiusura del mercato quale sarà la nostra rosa definitiva”.