Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Sassuolo-Reggina, le pagelle di Strill.it

Sassuolo-Reggina, le pagelle di Strill.it

MARINO VOTO 6,5 – Sempre sicuro e attento. Riprendersi totalmente da un grave errore come quello da lui commesso contro il Torino è sintomo di grande personalità e carattere.

ADEJO VOTO 6.5 – Continua a dimostrarsi un difensore affidabile, bravo anche a rimediare alle sue sbavature, poche a dire il vero.

VALDEZ VOTO 6,5 – Nei primi minuti di gioco opera alcune chiusure importanti soprattutto nel gioco aereo, si dimostra un difensore spigoloso per gli attaccanti avversari. E’ un giocatore ritrovato.

LANZARO VOTO VOTO 6 – Attento in difesa fin quando resta in campo, si divora un gol ma metterla dentro non è il suo mestiere.

BARILLA’ VOTO 6,5 – Copre tutta la fascia senza risparmiarsi e dalle sue parti non sfonda nessuno. Esce zoppicante.

CARMONA VOTO 6,5 – Non era al meglio fisicamente. ma nonostante tutto la sua presenza si fa sentire .

CASCIONE VOTO 6,5 – Gioca da uomo d’ordine e fa da schermo alla difesa. E’ quello il suo ruolo e si vede, bravo a farsi trovare pronto dopo tante gare in cui è finito in panchina

TEDESCO VOTO 6,5 – Al di là di qualsiasi approfondimento tattico che dovrebbe partire col presupposto che ci si trova a parlare di un calciatore in grado di giocare da mediano, mezz’ala ed esterno sinistro nella stessa partita, bisognerebbe soffermarsi sulla grinta che questo ragazzo di trentaquattro anni mette in campo quando indossa la maglia amaranto, abbinata all’indiscutibile qualità di un giocatore che ha alle spalle centinaia di partite in serie A. L’elogio è superiore se si considera che probabilmente può fare anche meglio.

RIZZATO VOTO 6,5 – E’ il lontano parente di quel giocatore che aveva deluso ad inizio campionato, tuttavia stasera il suo contriibuto in fase offensiva è limitato (si fa per dire) ad un delizioso assist che Pagano fallisce clamorosamente.

MISSIROLI VOTO 6,5 – L’anno scorso a Treviso dalle tribune gli urlavano: “Vai Ibra”, probabilmente per una vaga somiglianza fisica con l’ex attaccante dell’Inter. La cosa deve essere arrivata alle orecchie di Breda che da tempo lo considera un uomo in grado di giocare in attacco, ma definirlo attaccante nella partita di oggi sarebbe riduttivo: gioca a tutto campo, è un muto perpetuo, salta l’uomo quasi con regolarità e se nel finale non pagasse dazio in lucidità, sprecando qualche pallone importante, la sua sarebbe davvero una partita da incorniciare.

PAGANO VOTO 6,5 – Isolato in alcune circostanze, egoista in altre, impreciso in altre ancora, gioca una gara insufficiente fino al momento del gol di Brienza, quando mette in mostra le sue grande abilità tecniche saltando un uomo e servendo al compagno un pallone con precisione millimetrica.

 COSTA VOTO 6 – Entra a freddo ed è un pò impacciato inizialmente, col tempo prende le misure agli avversari.

BRIENZA VOTO 7 – Gli bastano meno di venticinque minuti per fare la differenza con quel tocco di piatto sinistro che è il migliore biglietto da visita per un giocatore che ha poco a che fare con la Serie B. Si è ripreso la Reggina, la squadra che assieme ad Amoruso e Cozza aveva trascinato alla salvezza un paio di stagioni fa, e forse anche l’affetto della maggior parte dei tifosi dopo le incomprensioni dello scorso anno.

VIGIANI S.V.

BREDA VOTO 7 – Si fa fatica a trovare qualcosa che non sia stata preparata alla perfezione per questa partita. Sassuolo imbrigliato, colpito ed affondato. E’ anche e soprattutto la sua vittoria.

p.d.m.