Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Lecce, Breda torna al 3-5-2 ?

Reggina-Lecce, Breda torna al 3-5-2 ?

Seconda gara di un doppio turno casalingo per la Reggina, che questa sera affronta il Lecce.

La prima è andata male, Breda vuole subito invertire la rotta. Dovrebbe essere bocciato il  3-4-2-1 adottato contro il Modena, tornando al più collaudato 3-5-2.

 

In difesa lo squalificato Valdez sarà sostituito dal rientrante Lanzaro, mentre esiste qualche dubbio sulla posizione che andrà ad occupare Costa.

Se l’ex bolognese agirà da esterno sinistro di centrocampo in difesa giocherà Santos, se invece dovesse essere schierato titolare Rizzato, sarà lui a retrocedere in retroguardia e pare questa la possibilità più concreta.

In difesa, tuttavia, potrebbe esserci una sopresa relativa al possibile inserimento di Cascione.

A centrocampo Missiroli dovrebbe riprendersi la maglia da titolare, mentre è un autentico rebus capire chi affiancherà Brienza in attacco. Negli ultimi giorni si è fatta strada l’ipotesi di un possibile utilizzo di Pagano a supporto dell’ex palermitano, che si troverebbe così a giocare nell’insolita posizione di centravanti. La scarsa vena realizzativa di Cacia e Bonazzoli porta a credere che Breda ci stia pensando davvero.

Il Lecce dell’ex De Canio deve fare a meno dello squalificato Fabiano. L’allenatore lucano in settimana ha già espresso la possibilità che a sostituire il brasiliano possa essere Ferrario, arrivato a gennaio dal Ravenna, ma resterà fino alla fine in ballotaggio scon Schiavi.

Potrebbe cambiare qualcosa davanti rispetto alla gara che i salentini hanno perso contro il Cittadella quando i salentini si schierarono con un 4-4-2 che, in base alle varie partite, spesso si alterna con un 4-3-3 o 4-3-1-2.

Molto dipenderà dalle scelte che De Canio farà, visto che solo due tra Mesbah, Marilungo e Di Michele partiranno titolari.

REGGINA (3-5-2): Marino; Adejo, Lanzaro, Costa; Vigiani, Carmona, Tedesco, Missiroli, Rizzato; Brienza, Pagano (Bonazzoli). All. Breda.

LECCE (4-4-2): Rosati; Angelo, Terranova, Schiavi, Mazzotta; Munari, Vives, Giacomazzi, Mesbah; Corvia, Marilungo (Di Michele) . All. De Canio.

Arbitro: Saccani di Mantova.