Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Cesena, precedenti quasi alla pari. Quattro gli ex

Reggina-Cesena, precedenti quasi alla pari. Quattro gli ex

di Antonio Modafferi – Sabato pomeriggio al “Granillo” sarà di scena per la prima giornata di ritorno il Cesena, formazione neopromossa in serie B, attualmente al terzo posto in classifica con 35 punti. All’andata finì 0-1 per la Reggina, grazie alla rete siglata di testa da Nicolas Viola a pochi minuti dal termine, una vittoria che forse illuse un po’ tutti circa il prosieguo in campionato della formazione affidata a Novellino.

Reggina e Cesena si sono affrontate 8 volte e sempre in serie B. Il bilancio è quasi alla pari: cinque pareggi, una vittoria del Cesena e due della Reggina. Particolare quella del campionato 1968/1969, nella prima gara tra le due squadre: è l’ultima giornata di campionato e prima dell’incontro, che vedrà prevalere gli amaranto per 3-0, l’altoparlante del “Comunale” diffonde la registrazione audio dell’addio dell’allenatore Armando Segato, colpito da una terribile malattia. A quella vittoria seguono 4 pareggi consecutivi tra le stagioni 1969/70 e 1972/1973, dopodiché le strade di Reggina e Cesena si dividono, per tornare a incontrarsi negli anni più recenti.

E’ il campionato di serie B 1995/1996 e la neopromossa Reggina di Zoratti, protagonista di un avvio difficile, contro i bianconeri non va oltre il pareggio (0-0), rimandando ancora l’appuntamento con la prima vittoria stagionale.
L’anno successivo, la Reggina di Guerini ospita il Cesena subito dopo la vittoria in trasferta sulla capolista Lecce. Ma gli amaranto non riescono a trovare continuità di risultati e subiscono una sconfitta di misura (0-1) firmata dal difensore Antonio Aloisi, l’anno dopo in  amaranto e attuale allenatore della formazione Allievi. Quella fu una partita sfortunata per la Reggina che, dopo aver perso Perrotta per infortunio nel riscaldamento, non riuscì in nessun modo a violare la porta degli ospiti.

L’ultimo precedente risale alla stagione 1998/1999, con la Reggina vittoriosa per 3-1 al termine di un incontro con grandi emozioni nel finale. E’ la decima giornata di ritorno e la Reggina passa in vantaggio alla mezzora con Possanzini, al termine di una bella cavalcata personale. Ma gli ospiti pareggiano sul finire della prima frazione con il proprio bomber, Comandini. Nel secondo tempo gli amaranto cercano in tutti i modi di ritornare in vantaggio e quando sembra non esserci più alcuna speranza ecco che l’attaccante croato Goran Tomic, entrato da pochi minuti, segna una rete pesantissima proprio al 90’ e un minuto più tardi Fabio Artico arrotonda il punteggio.

Per quanto riguarda gli ex sono ben quattro, tre nel Cesena, Franceschini, Lauro e Colucci, e uno nella Reggina, Bonazzoli.
Il difensore Ivan Franceschini, classe 1976, ha vestito la maglia della Reggina per sei stagioni, dal 2000/2001 al 2005/2006, con una parentesi in prestito al Chievo nella stagione 2000/2001, per un totale di 155 presenze e 5 reti. Forte in marcatura e nel gioco aereo, generoso e grintoso, è stato uno dei punti di forza della difesa amaranto con Colomba, De Canio, Camolese e Mazzarri, e aveva stabilito un forte legame con la città, tanto da sposare una ragazza reggina. Ceduto al Torino nell’estate del 2006, nello scorso autunno fu vicino al ritorno in amaranto visto che era svincolato, ma poi è andato a rinforzare il reparto arretrato del Cesena, il migliore delle B con 12 reti subite.

Forse in pochi invece ricorderanno che anche l’altro difensore Maurizio Lauro, classe 1981, ha militato nella Reggina. Era la stagione 2005/2006 quando, ad agosto, fu preso in prestito dall’Ascoli pochi giorni dopo il suo esordio nella massima serie. Complice un fastidioso infortunio, Lauro fu utilizzato poco da Mazzarri, solo in cinque occasioni e spesso per brevi spezzoni di partita, quindi a gennaio fu restituito al mittente. E’ al Cesena da quattro campionati ed è una delle colonne della difesa di Bisoli.

L’altro ex è Giuseppe Colucci. Centrocampista classe ’80, ha giocato nella Reggina del primo anno di Walter Mazzarri in panchina, campionato di serie A 2004/2005, collezionando 30 presenze e cinque reti, indimenticabile quella fortunosa contro la Juventus, quando una palla calciata da Cannavaro lo colpì in pieno e finì alle spalle di Buffon, portando in vantaggio gli amaranto che poi vinsero 2-1. Arrivato in prestito dall’H.Verona, Colucci fu uno dei titolari del centrocampo di quell’anno grazie al suo dinamismo, la sua duttilità e la sua generosità, che però non gli valsero la riconferma, infatti la Reggina a fine stagione non esercitò il diritto di riscatto. Senza contratto da giugno, dopo la fine del rapporto che lo legava al Catania, è arrivato in bianconero a dicembre del 2009.

E’ un ex anche Emiliano Bonazzoli. Il centravanti di Asola ha vestito la casacca bianconera nella stagione 1998/1999 (serie B), a partire da gennaio ’99, totalizzando 21 presenze e realizzando una rete nella sua prima esperienza lontano da Brescia, squadra nella quale era cresciuto.

Ultima curiosità. Il team manager del Cesena è quel Fiorenzo Treossi che tanto ha pesato nel passato della Reggina. E’ stato infatti l’arbitro di quel Bari-Reggina (serie A 2000/2001), in cui, in seguito ad una goffa simulazione di Ennynaya, inventò un rigore per i padroni di casa grazie al quale si imposero per 2-1. Senza quel rigore e senza quella sconfitta, la Reggina a fine campionato avrebbe avuto un punto in più, evitando così lo spareggio, poi perso, contro l’H.Verona. Per fortuna che Treossi sabato non sarà in campo…