Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina, Novellino si affida ai nazionali

Reggina, Novellino si affida ai nazionali

Il ritmo incalzante con il quale si succedono i turni del campionato di serie B fa si che molto spesso non si sia finito di metabolizzare lo scotto di un pareggio subito all’ultimo minuto che già all’orizzonte c’è un Vicenza da affrontare nel recupero della terza giornata.

E’ quanto accade alla Reggina di Novellino che in questo martedì di festività mariane in città affronterà i biancorossi di Rolando Maran. Candidati ad un ruolo di outsider, i biancorossi sono un’ottima squadra con elementi in grado di dar filo da torcere alla difesa amaranto, non apparsa solidissima in questa prima parte di stagione.

Il tridente offensivo dei veneti è di tutto rispetto. Il riferimento centrale è rappresentanto dal croato Bjelanovic, attaccante con tante partite in massima serie. Ai suoi lati spazio a Gavazzi e soprattutto Sgrigna, il più talentuoso dei suoi. Cercato dalla Reggina nell’ultima fase del calciomercato estivo, ha dimostrato più volte di poter fare il bello e il cattivo tempo in cadetteria.  Non ci sarà Alessio Sestu, ex di turno, ancora alle prese con l’infortunio al ginocchio, rimediato proprio con la maglia amaranto.

Il robusto centrocampo a tre sarà composto dall’ex genoano Botta, dal promettente Nicola Rigoni (classe ’90 e fratello di Luca, mediano passato dalla Reggina) e da Braiati. Difesa a quattro con Martinelli a destra e il talentuoso Brivio (nazionale under 21) a sinistra. Acccanto all’ex messinese Marco Zanchi (una doppietta da difensore alla Reggina proprio con la maglia del Vicenza più di otto anni fa), al centro della retroguardia troverà posto Antonello Giosa. Lui, potentino, a Reggio ha messo radici, dopo esser cresciuto nel settore giovanile amaranto fino a diventare capitano della primavera. Svincolato dallo scorso giugno, si è accasato al Vicenza.

Tornerà ad esibirsi a Reggio anche il portiere Fortin, impossibile non ricordare le sua giornata “non positiva”, tanto per usare un eufemismo, in quel pirotecnico 3-3 tra la Reggina ed il Siena di qualche stagione fa.

In casa amaranto Novellino scioglierà i suoi dubbi solo poche ore prima del match, ma dopo il riposo concesso ai nazionali a Mantova, per la gara di oggi dovrebbe affidarsi proprio a loro. La vasta gamma di scelta a disposizione del tecnico non contempla, invece, Costa e Santos, ancora in ritardo di condizione dopo gli infortuni.

Le uniche certezze sono rappresentate da Cassano in porta, Valdez al centro della difesa, Rizzato come terzino sinistro dietro al rientrante Barillà, al cui fianco ci saranno i due mediani Volpi e Carmona, con Brienza che in attacco sarà affiancato da uno tra Bonazzoli e Cacia. Se l’ariete di Asola dovesse farcela, dopo la botta rimediata a Mantova, sarà lui ad iniziare la gara, lasciando poi il posto a Cacia, che non ha ancora i novanta minuti nelle gambe.

I dubbi relativi alla difesa partono da Buscè. Se l’ex laterale dell’Empoli dovesse essere schierato a centrocampo com dopo la non soddisfacente prestazione di Pagano a Mantova, in retroguardia sulla destra ci sarà spazio per uno tra Lanzaro e Capelli. Difficile, invece, che uno dei due possa impensierire Cascione per una maglia da titolare nella posizione di difensore centrale . 

Se invece Buscè dovesse restare in difesa, il ballottaggio sarebbe tra Pagano e Missiroli.

p.d.m.