Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Novellino: “Per andare in serie A serve equilibrio”

Novellino: “Per andare in serie A serve equilibrio”

Alla vigilia di Reggina-Vicenza e a sole quarantotto ore di distanza dalla sfida contro il Mantova, Novellino ha parlato in conferenza stampa.

“Ho intravisto dei segnali positivi perchè  siamo migliorati sotto il profilo della vicinanza dei reparti. Ci sono dei costanti miglioramenti. E’ chiaro che però quando hanno palla Brienza e Bonazzoli si deve ripartire, ancora non ci riusciamo bene. Non siamo stati cinici, la partita andava chiusa perchè abbiamo un grande reparto avanzato e possiamo esserlo. Ne abbiamo avuto la dimostrazione con Cacia che pur avendo solo venticinque-trenta minuti nelle gambe è riuscito a lasciare il segno. E’ chiaro che il gioco non è ancora al massimo, ma a parte il Frosinone che è in una condizione fisica brillante chi sta giocando meglio di noi ? Capisco che qui siamo un pò abituati alla serie A, per fortuna della Reggina dico anche, ma spesso perdiamo di vista che la cosa fondamentale per vincere le partite in cadetteria è l’equilibrio, non certo il gioco” . Parole importanti quelle del tecnico, che si è soffermato su un’esclusione importante e sul momento della difesa: “Lanzaro è un ragazzo strapositivo, in questa partita mi serviva uno come Cascione che sapesse uscire palla al piede. Stiamo prendendo dei gol ingenui, non è che non stiamo lavorando sulla fase difensiva. In questo caso Capelli ha sbagliato e  va aiutato, io gli darò una mano perchè da sempre mi si riconosce una certa abilità nel registrare la difesa, spero di non smentire questa mia caratteristica. Si deve lavorare perchè eravamo davanti allo scenario di una partita vinta e c’è stato qualche atteggiamento sbagliato nella gestione del vantaggio”.

A chi gli prosetta la possibilità di turnover Novellino risponde così: “Sono abituato a dare continuità al mio lavoro anche negli uomini che mando in campo. I nazionali? Mi pare che Valdez, Carmona e Barillà siano parte integrante della continuità a cui faccio riferimento. Dobbiamo valutare le condizioni di Bonazzoli e pensare ad una partita difficile come quella di domani in cui affronteremo un buona squadra (il Vicenza ndr)”.