Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Novellino: “A Cesena con umiltà e consapevolezza della nostra forza”

Novellino: “A Cesena con umiltà e consapevolezza della nostra forza”

Non c’è da aspettarselo per uno che vanta tanti anni di esperienza in panchina, eppure il ritorno in serie B dopo sette anni per Walter Novellino è ancora motivo di emozione: “Ho una sensazione particolare, che si mischia al rammarico per non aver giocato in contemporanea agli altri. Sono un pò inc… per questo, almeno la prima giornata era giusto giocarla tutti insieme”.

Inevitabile un pensiero sul prossimo avversario: “Incontriamo una neopromossa che ha importanti uomini d’esperienza e soprattutto una buona tradizione calcistica. Dobbiamo andare lì con la giusta umiltà, ma allo stesso tempo con la consapevolezza della nostra forza. E’ importante partire bene”.

Difficile, invece, parlare di calciomercato con il tecnico di Montemarano: “Sono soddisfatto della squadra, mi sono confrontato con la società e so che si stanno muovendo. Per adesso non ho il tempo di pensare a nuovi arrivi e partenze perchè sono alla prese con la preparazione di una partita importante. E’ arrivato Capelli, che è un ottimo giocatore e soprattutto si è inserito con grande entusiasmo all’interno del gruppo”.

Novellino resta abbottonato su quelle che saranno le scelte di formazione: “Abbiamo un piccolo problema con Brienza che ha subito un pestone. Conto di recuperarlo, valuteremo lunedì mattina. In caso contrario Alessio Viola e Joelson sono pronti a sostituirlo. A Brescia abbiamo vinto, raramente mi succede di cambiare una squadra che vince e lo fa nettamente, ma questo non vuol dire che non posso farlo”.

L’allenatore amaranto non vuole parlare della forza dei singoli reparti e preferisce soffermarsi sul gruppo che sembra essere creato. “Se non c’è coesione tra i giocatori non vai da nessuna parte. La mia prima soddisfazione è quella di aver creato un gruppo in cui c’è unione tra i giocatori. Allo stesso tempo sono felice per la qualità di ogni settore del campo della squadra, ma possiamo e dobbiamo migliorare. Tante volte determinati miglioramenti si ottengono solo giocando partite vere e di campionato, spero che questo si verifichi”.

Spazio anche per un commento relativo alla prima giornata di campionato di serie B, in attesa che vada in scena il posticipo con protagonista proprio la Reggina: “Hanno vinto tutte le favorite, il Torino l’ha fatto alla grande. Ad onor del vero bisogna sottolineare che al Grossetto, che è una buona squadra, mancavano elementi importanti, come ad esempio Consonni. Non sono sorpreso degli altri risultati, spesso capita che nel girone d’andata ci siano delle sorprese che tendono a calare alla lunga come è stato nel caso di Frosinone e Sassuolo nella scorsa stagione. Adesso tocca a noi, che dobbiamo lasciarci alle spalle tutte le belle parole di chi ci considera favoriti, e iniziare a far fruttare sul campo quello che è stato il nostro lavoro durante il precampionato”.