Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Foti: “Tanti errori commessi, ora puntiamo alla promozione”

Foti: “Tanti errori commessi, ora puntiamo alla promozione”

altTorna a parlare il presidente Foti e lo fa per la seconda volta da quando la sua Reggina è aritmeticamente retrocessa in serie B.

Lo fa davanti alle telecamere di una delle emittenti televisive cittadine, Telereggio: “Non voglio più parlare del passato, ma del futuro di una società solida. Mi è dispiaciuto che si siano trovati dei capri espiatori

 come ad esempio Brienza, per il quale si è passato da un giudizio eccezionale a uno meno gratificante nei confronti del calciatore. Nessuno discute le sue qualità, si tratta di un tesserato importante della Reggina”.

Incalzato, il massimo dirigente amaranto è tornato su quelli che sono stati i suoi errori: “Quelli che sono i miei sbagli mi appartengono e ho già fatto le mie considerazioni. Si tratta di valutazioni personali, ma anche di scelte sbagliate facilmente intuibili come quelle di avere una rosa pletorica e di difficile gestione, senza dimenticare i cinque allenatori in due anni.  E’ stata una difficoltà che ci siamo portati dietro da luglio e dipesa dal mercato in crisi, si potrà anche dire che ripeto sempre le stesse cose, ma non posso mistificare la realtà.  Questa era una squadra che poteva tranquillamente salvarsi, raggiungendo un obiettivo che nelle ultime giornate era pienamente alla nostra portata e che abbiamo buttato alle ortiche con superficialità. A gennaio non intendevamo cambiare tanto per cambiare, non c’era l’opportunità di trovare e portare a Reggio elementi che potessero migliorare la nostra rosa .”

 

Il presidente ha spostato con vigore il tiro sul futuro più prossimo: “I nove anni di massima serie ci impongono di puntare al ritorno in serie A.  Mi auguro che si metta in piedi una squadra che rispecchi i valori di questa società e sono d’accordo con chi dice che sarebbe preferibile completarla prima  del ritiro estivo per facilitare l’amalgama del gruppo, importante soprattutto in un campionato difficile come quello della serie B”.