Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Il Granillo? Un tabù per il Cagliari

Il Granillo? Un tabù per il Cagliari

Terzultimo atto della stagione per la Reggina. Al Granillo arriva il Cagliari, squadra che non ha mai battuto gli amaranto in serie A.

La prima assoluta in riva allo stretto si giocò nell’aprile del 1988, in serie B. Finì 1-1.

Due anni dopo i padroni di casa ebbero la meglio sui sardi con un secco 2-0, prima che

 la sfida subisse una pausa temporale protrattasi fino al 1998 e fu l’occasione per un rocambolesco pareggio (2-2).

La Reggina di Franco Colomba, in dieci uomini per l’espulsione di Lorenzini, reo di aver tirato una gomitata ad un avversario pur rimanendo lui stesso contuso a terra in un episodio non chiarito dalle immagini televisive, si fece rimontare il doppio vantaggio ottenuto con le marcature di Sesia e Ciccio Marino. Per i rossoblu andarono a segno De Patre e Muzzi.

Il direttore di gara era Preschern di Mestre.

Con al timone sempre l’attuale tecnico dell’Ascoli, la sfida tra il sodalizio dello Stretto e quello sardo si rinnovò nel dicembre del 1999, per la prima volta in serie A.

Gli amaranto, pur in superiorità numerica per il cartellino rosso sventolato ad Olivera dall’arbitro Pellegrino al primo minuto di gioco a causa di un’entrata scomposta, andarono in svantaggio. Il gol rossoblu fu del compianto Jason Mayele, a pareggiare i conti ci pensò “Mimmo” Kallon. A guidare la squadra di Cellino, poi retrocessa in serie B, c’era Renzo Ulivieri.

La stagione successiva la Reggina raggiunse gli avversari in cadetteria e al Granillò fu 0-0, grazie alla prova di uno strepitoso Pantanelli, uno che a Reggio si esalta spesso e volentieri.

La sfida tornò a giocarsi in serie A a partire dal 2004, quando gli isolani persero per 3-2 inaugurando una serie di sconfitte che si è protratta fino alla scorsa stagione.

3-1 nel 2005, 2-1 nel 2006, fino al 2-0 del gennaio 2008, nel giorno dell’esordio di Franco Brienza con la Reggina, bagnato con la soddisfazione di sbloccare la partita con un gran gol al volo, superato in bellezza però dalla firma d’autore messa da Ciccio Cozza con una grande conclusione.

Il Cagliari, dunque, non ha mai vinto a Reggio ed è reduce quattro ko consecutivi. Nel computo dei precedenti al Granillo ci sono perciò cinque affermazioni dei padroni di casa e quattro pareggi.

Per rincorrere il “sogno salvezza”, come accaduto contro l’Atalanta, alla Reggina servirà mantenere la buone tradizioni, certificate da quattordici partite e dodici anni di imbattibilità nei confronti diretti con i sardi.

 

Pasquale De Marte