Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Bologna-Reggina: bilancio in perfetta parità

Bologna-Reggina: bilancio in perfetta parità

altSu quanto sia alta la posta in palio nella prossima sfida tra Bologna e Reggina si è detto tanto, probabilmente tutto.
A questo punto della settimana, come di consueto, si prova a raccogliere qualche dato storico che possa essere di

buon auspicio per l’esito della gara.
I campionati amaranto in massima serie sono stati spesso caratterizzati da gironi d’andata deficitari e improvvise impennate nella parte finale del torneo, un pò come si spera possa accadere quest’anno.
Un esempio tangibile di ciò deriva dalla stagione 2002/2003, quando la Reggina di Gigi De Canio, subentrato a Bortolo Mutti, dopo una prima parte di campionato fallimentare trovò le risorse per disputare un’eccezionale ultima parte di stagione e raggiungere lo spareggio, poi vinto contro l’Atalanta.
La certezza di sfidare gli orobici arrivò grazie ad una vittoria ottenuta proprio al Dall’Ara nell’ultima giornata di campionato. Furono Bonazzoli e Di Michele a fissare il 2-0 finale.
Anche in quell’occasione, perciò, Bologna si rivelò un crocevia fondamentale per la salvezza della formazione dello Stretto, un pò come si spera avvenga anche quest’anno.
Un altro ricordo positivo lega la Reggina alla formazione rossoblu, proprio contro la quale nel 1999 arrivò la prima storica vittoria in serie A grazie ad uno dei gol di Possanzini che hanno fatto storia.
Il bilancio è, perciò, totalmente in equilibrio: alle già citate vittorie ospiti vanno aggiunte le due affermazioni felsinee, entrambe per 2-0 ( 1 novembre 2000 e 19 dicembre 2004) e un pareggio per la Reggina di Camolese, che nel 2004 dopo esser andata in vantaggio per 2-0  si fece rimontare fino al 2-2 finale.
Considerando le sole gare di campionato vi è solo un altro precedente da registrare: il 17 settembre 1995 in serie B, quando gli amaranto guidati da Zoratti. riuscirono a fermare la corazzata bolognese, poi promossa in massima serie.  Fu 1-1 con le storiche firme di Carlo Nervo per i padroni di casa e Alfredo Aglietti per gli ospiti.
Toccherà alla Reggina provare a spezzare quest’equilibrio per rincorrere una salvezza che, ad oggi, appare comunque lontana nonostante i quattro punti nelle ultime due gare.

p.d.m.