Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Invece di rinforzare la squadra, la Reggina pensa all’allenatore

Invece di rinforzare la squadra, la Reggina pensa all’allenatore

La panchina di Bepi Pillon è già a rischio. Il tecnico è stato convocato per oggi pomeriggio dal presidente Foti, motivo per cui ha preferito effettuare l’allenamento stamattina. Se sabato la Reggina non batterà il Chievo, la dirigenza non troverà di meglio da fare che scaricare colpe addosso all’allenatore, che ha fin qui avuto la squadra a disposizione per sole tre partite.

Dunque è colpa di Pillon se Zarate e Pandev fanno quello che vogliono contro la nostra difesa, o se Frick viene lasciato solo davanti al portiere? E’ chiaro che qualche dirigente ha perso la bussola, ma speriamo che la ritrovi in fretta. In settimana non è previsto alcun acquisto, proprio perchè si pensa a valutare l’allenatore dopo tre partite. Il mercato di gennaio è stato atteso per settimane e forse anche mesi, nella speranza di reperire subito un difensore centrale. Invece….

Sarebbe meglio convincersi che nemmeno Capello o Lippi potrebbero portare chissà quali risultati alla guida di una squadra che ancora oggi, 20 gennaio, con alle porte due scontri fondamentali contro Chievo e Torino, non è stata adeguatamente rinforzata. Intanto la realtà, mai così scellerata ed illogica, dice che Pillon è a rischio esonero.

Paolo Ficara