Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Siena-Reggina, chi dopo Aglietti e Bianchi?

Siena-Reggina, chi dopo Aglietti e Bianchi?

Se si eccettua un rocambolesco 3-3 risalente alla prima parte del 2003, quando Reggina e Siena si sono affrontate raramente si è visto spettacolo.

La prova di ciò deriva principalmente dal fatto che il risultato più comune alle varie edizioni di Siena –Reggina è lo 0-0.

Tuttavia la tradizione è, nel complesso, favorevole

 agli amaranto che nelle undici occasioni in cui sono scesi in campo al Franchi in tre occasioni hanno portato a casa l’intera posta in palio, divendola sei volte e cedendo ai padroni di casa bianconeri in sole due circostanze.

La prima assoluta tra le due formazioni è datata 5  febbraio 1956, in serie C, e si imposero proprio gli ospiti per 2-1, perdendo, però,  due anni dopo  per  1-0.

Al 2 aprile del 1983 risale l’ultima affermazione dei bianconeri, che quindi non fanno valere il “fattore campo” sulla Reggina da quasi 26 anni. 

La sfida subì undici anni di stop, fino a quando le due squadre tornarono ad affrentarsi  nel 93/94 (0-0) e nelle fasi iniziali del campionato  successivo (20 novembre 1994), quando però la Reggina, da autentica corazzata del torneo,  vinse di prepotenza grazie ad una rete di quello che avrebbe poi scoperto come uno dei più amati centravanti della sua storia, Alfredo Aglietti, oggi allenatore del Viareggio.

La differenza di categoria tra le due formazioni comportò un’altra pausa per le sfide tra bianconeri ed amaranto, durata fino al 2 dicembe del 2001 quando si giocò per la prima volta in serie B. La fortissima Reggina di Colomba, appena retrocessa dalla Serie A,  venne  costretta ad un mezzo passo fai gol di Maurizio Rossi e Zampagna che pareggiarono quelli reggini di Bogdani e Savoldi.

Arrivò anche il tempo di Siena-Reggina in serie A, ma, come detto, non si ricordano sfide memorabili tra due squadre, stabilmente tra le venti “elette” del calcio italiano.   A partire dalla stagione  2003/2004, si contano cinque precedenti di cui quattro sono terminati 0-0.       

L’unico “diversivo” è rappresentato dallo 0-1 del 12 dicembre 2006, con il quale la Reggina ebbe ragione del Siena di Beretta, grazie ad un rigore,  guadagnato da Mesto e trasformato Rolando Bianchi ad una manciata di minuti dal termine.

Gli amaranto, perciò, in serie A, sono imbattuti a Siena senza aver mai subito un gol, un motivo in più per far risultato in una partita chiave quale è quella che li attende domenica prossima in Toscana.

Pasquale De Marte