Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Alvarez: “Adesso il gruppo è più unito”

Alvarez: “Adesso il gruppo è più unito”

Il difensore della Reggina, Pablo Alvarez, si è presentato in conferenza stampa al Sant’Agata, prima dell’allenamento a porte chiuse. Ecco le sue dichiarazioni: “La squadra ha dimostrato di voler raggiungere la salvezza, giocando in quel modo domenica ad Udine. Posso fare sempre di più, fin qui mi è toccato giocare

 una volta ogni tanto, prendendo fiducia posso fare meglio. Giovedì, dopo la partita di Coppa Italia, penso che il mister avesse già deciso di mettermi dal primo minuto. Per domenica non so ancora nulla”.

“Mancano alcuni compagni, che sono stati impegnati con la nazionale. Contro il Catania ho commesso un errore, ma solo chi non gioca non sbaglia mai. Dopo quella gara il mister mi ha detto che era contento. Sono migliorato parecchio in fase difensiva, in Uruguay ero abituato a giocare in una squadra che doveva vincere a tutti i costi. In Italia molti terzini destri sono migliorati in fase difensiva, come ad esempio Maicon, ma sempre senza perdere le proprie caratteristiche nella fase offensiva”.

“Domenica è stato importante non prendere gol, anche se eravamo opposti ad una squadra che si presentava con tre attaccanti. Col Nacional avevo disputato la Coppa Libertadores, quella competizione è stata importante per il mio processo di maturazione. Il calcio italiano è importante, sono venuto per migliorarmi. Ho già giocato in nazionale maggiore, spero di tornarci. Sono giovane, ho ancora parecchie cose davanti”.

“La Reggina sta sicuramente migliorando. Adesso il gruppo è più unito quando scende in campo. Mi sono arrivate telefonate di amici dall’Uruguay, sodisfatti per avermi visto in campo. Un mio conazionale che mi sta sorprendendo qui in Italia? Cavani sta facendo bene a Palermo, ma anche Martinez a Catania e Gargano nel Napoli. Contro l’Atalanta non so cosa deciederà il mister, ma in casa dobbiamo far vedere che siamo forti. La partita sarà diversa rispetto ad Udine. Vogliamo vincere la partita a tutti i costi, fin dal primo minuto”.

“L’Atalanta è una squadra tosta, che cerca di farti male in avanti. Daremo il massimo. Una vittoria sarebbe fondamentale, abbiamo dimostrato di poter lottare contro chiunque, come abbiamo fatto con l’Inter. Cozza è un giocatore importante, ha esperienza e ci parla tanto. E’ un leader. La tifoseria ci farà sentire il suo calore, qui la gente è simile a quella che c’è in Sud America”.