Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Udine stregata senza Mazzarri

Udine stregata senza Mazzarri

Affrontare lo stesso avversario a distanza di quattro giorni e in una competizione diversa non è una cosa che accade spesso, ma si tratta del “singolare” destino di Udinese e Reggina che dopo essersi affrontati ieri in Coppa Italia torneranno

 a giocare contro, sempre al Friuli, ma questa volta per il campionato.

Udine molto spesso si è rivelata una piazza molto ostica per i colori amaranto, dato che, fatta eccezione per la parentesi con Mazzarri in panchina, la Reggina è molto spessa tornata con le pive nel sacco dalla trasferta in Friuli.

Il ricordo più recente in campionato risale alla scorsa stagione quando i calabresi, guidati da Ficcadenti, caddero sotto i colpi di Antonio Di Natale, autore di una doppietta nel 2-0 finale.  E se il primo  gol fu propiziato  un mezzo errore di Campagnolo, la seconda rete fu un gioiello: stop volante e tiro di prima intenzione tagliando il campo con un movimento da sinistra a destra.

 Nelle tre sfide in cui gli amaranto sono stati guidati in panchina dal tecnico di San Vincenzo sono arrivati i risultati i migliori: due vittorie ed un pareggio. 

Nella stagione 2004/2005 la lanciatissima Udinese di Spalletti venne sconfitta a domicilio per 2-0 (Bonazzoli e Borriello) nella prima giornata del girone di ritorno, mentre quella in caduta libera di Cosmi venne piegata la stagione successiva da una doppietta di Nicola Amoruso che rimontò l’iniziale vantaggio friulano firmato da Iaquinta.   Lo stesso attaccante crotonese ebbe modo di ripetersi qualche mese più tardi nell’anno del -15 reggino, rispondendo  a Rolando Bianchi per l’1-1 finale.

Il 7 dicembre del 2003 gli amaranto di Camolese furono costretti alla resa da una rete di Carsten Jancker, che dopo un lunghissimo digiuno si sbloccò proprio in quella gara, mentre nella stagione precedente con un rigore di Pizarro, causato da uno scontro in area tra Jorge Vargas  e Warley, la gara si concluse con il medesimo risultato: 1-0 per i padroni di casa.

Negli altri due precedenti in massima serie si contano altre due sconfitte per la Reggina.  Si tratta di un 3-2 (Kallon e Possanzini in rete per il sodalizio dello Stretto) e un sonante 3-0, frutto di una doppietta dell’argentino Sosa e del cosentino Fiore.

Il 24 settembre del ’97 le due squadre si affrontarono in Coppa Italia per il ritorno dei sedicesimi di finale.  All’andata finì 2-1 per i bianconeri di Zaccheroni, che tra le mura amiche si imposero con un perentorio 4-0 giunto con le reti di Bierhoff, Amoroso e la doppietta di Cappioli.

Inserendo nel computo anche la gara di ieri in totale si sono giocate dodici edizioni di Udinese-Reggina con sette vittorie friulane, tre pareggi  e due vittorie amaranto.

La Reggina non segna in trasferta dal 31 agosto (rigore di Corradi), mentre lontano dal Granillo non riesce a mantenere la propria porta inviolata dal 21 ottobre 2007 (0-0 a Siena), avendo subito 47 reti in 21 gare fuori dalle mura amiche.

Pasquale De Marte