Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Novellino: “La Reggina? Il telefono è qua…”

Novellino: “La Reggina? Il telefono è qua…”

La posizione dell’allenatore della Reggina, Nevio Orlandi, non è affatto salda. Il presidente Foti ha in mente un solo obiettivo per un eventuale avvicendamento, che potrebbe avvenire in caso di sconfitta con l’Inter: si tratta di Walter Novellino. Il caparbio Lillo Foti sta cercando in tutti i modi di convincerlo a rendersi

 disponibile, dopo un rifiuto iniziale.

Strill.it ha intervistato Walter Novellino, tecnico senza panchina ma attualmente sotto contratto col Torino: “Il lavoro mi manca, quello di allenatore poi è un mestiere molto bello. E’ un momento in cui si notano altre squadre, altri colleghi, si guarda, si vede. Il Torino? Non sto seguendo nessuno in maniera particolare”.

La Reggina, ultima in classifica, sembra la squadra più indiziata per un cambio di guida tecnica: “Non è detto. A volte ci si ritrova ultimi a causa degli infortuni o della sfortuna. Non lo auguro a nessuno, ma questo è il lavoro, e quando le cose non vanno paga sempre l’allenatore. Di Foti ho un’ottima opinione, sono vent’anni che tiene la Reggina ad alti livelli. Per stare tanto tempo in un mondo così difficile significa che è capace ed intelligente”.

Chiediamo dunque se proprio con Foti ci siano stati contatti telefonici negli ultimi giorni, ben sapendo che una risposta affermativa sarebbe indelicata: “Non è il momento. Ci sono diverse partite…. in questo momento Foti ha altri interessi, c’è una partita importante con l’Inter domenica… o forse sabato, non ricordo. Il telefono è qua… un lavoro non si butta mai via”.

Il tecnico di Montemarano mantiene lo stesso profilo, quando gli chiediamo esplicitamente se ci sono possibilità di vederlo sulla panchina della Reggina: “Credo che non sia corretto. C’è Orlandi, è una persona che stimo. Io non auguro a nessuno…. è una domanda che preferisco evitare – conclude Novellino – Non è corretto, sta lavorando, ieri hanno sofferto, lui soffre. Bisogna rispettare i colleghi”.

Paolo Ficara