Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Fiorentina-Reggina, quattro i dubbi di Orlandi

Fiorentina-Reggina, quattro i dubbi di Orlandi

Partirà domattina la Reggina alla volta della Toscana. Al termine dell’allenamento odierno, il mister Orlandi ha comunicato alla squadra la lista dei convocati, che verrà divulgata ufficialmente solo domattina. I nazionali si uniranno al gruppo direttamente nel ritiro

 toscano.

Il test di oggi ha sciolto i dubbi sul modulo anti-Fiorentina, che sarà il 4-3-2-1. La scelta sul centravanti era invece già chiarissima, con Corradi che si siede e Giorgio Rakic che va al centro dell’attacco. Il serbo sta prendendo sempre più dimestichezza con la lingua italiana, si vede che la voglia di apprendere è pari alle doti tecniche.

I dubbi di formazione non sono legati solo alle condizioni in cui si ripresenteranno i nazionali, tra domani e venerdì. Franco Brienza verrà valutato fino a 24 ore prima di Fiorentina-Reggina: soffre di un indurimento all’adduttore, ma verrà regolarmente convocato.

Al termine del primo tempo della partitella, Andrea Costa ha avuto una reazione allergica che gli ha procurato non pochi fastidi. Immediati i controlli, non dovrebbe essere nulla di preoccupante. Leggera ricaduta dell’infortunio muscolare di Cascione, il suo rientro è ancora rimandato a data da destinarsi.

Ricapitolando: Brienza è ancora più si che no, l’alternativa è Ceravolo. Il secondo trequartista dovrebbe essere uno tra Di Gennaro e Hallfredsson, con Cozza pronto a subentrare nella ripresa. A centrocampo, facendo gli scongiuri per il Cile-Argentina di stanotte, sicura la presenza di Carmona. Se Barreto non avrà smaltito anche in parte i dolori al piede destro, Tognozzi sembra pronto a giocare dal primo minuto. In difesa, il fatto che Valdez stia rientrando in fretta e furia dal Sud America è un indizio.

Questa la probabile formazione (tra parentesi le alternative) per Fiorentina-Reggina: (4-3-2-1) Campagnolo; Lanzaro, Cirillo, Valdez (Santos), Costa; Vigiani, Carmona, Barreto (Tognozzi); Brienza (Ceravolo), Di Gennaro (Hallfredsson); Rakic.

Paolo Ficara