Home / Sport Strillit / PIANETA AMARANTO / Reggina-Catania, secondo la Questura “nessuna criticità”

Reggina-Catania, secondo la Questura “nessuna criticità”

santigiuffre.jpg
Nel pomeriggio odierno il Questore, dr. Santi Giuffrè , ha presieduto un “debriefing” in Questura in relazione alla partita di calcio “Reggina-Catania” svoltasi ieri allo Stadio Comunale “O. Granillo”.

All’ incontro hanno partecipato i Funzionari della Polizia di Stato, l’Ufficiale dell’Arma Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Comandante della Polizia Municipale di Reggio Calabria e di Villa San Giovanni, i Dirigenti della Polizia Stradale, del Reparto Volo della Polizia di Stato, della Polizia Ferroviaria, del Reparto Mobile di Reggio Calabria, della Polizia Scientifica, nonché la dr.ssa Ollio in rappresentanza della Società Reggina Calcio e l’ Ing. Iannò in rappresentanza dell’A.T.A.M.
Il Questore ha fatto un’analisi approfondita dell’andamento dei servizi di ordine pubblico evidenziando che la partita Reggina-Catania, pur non essendo stata considerata a rischio dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e dal Comitato d’Analisi delle Manifestazioni Sportive, ha richiesto la massima attenzione data la rivalità esistente tra le due opposte tifoserie e la circostanza che era in atto lo stato di contestazione della tifoseria reggina nei confronti del Presidente Foti.
Elogiando l’impegno profuso da tutto il personale impegnato in perfetta sinergia fra le varie componenti coinvolte nell’evento, il Questore dr. Santi Giuffrè ha fatto, dunque, un bilancio positivo dell’attività svolta.
Nessun tifoso ospite ha avuto la possibilità di accedere all’interno dello Stadio sprovvisto di tagliando d’ingresso. A tal proposito, di notevole efficacia si è dimostrato il filtraggio effettuato agli imbarcaderi di Villa San Giovanni, dove l’impegno e la professionalità del personale impiegato ha consentito di respingere circa 120 tifosi catanesi che erano giunti senza tagliando per assistere alla partita.
Un ruolo fondamentale è stato svolto, poi, dall’Atam di Reggio Calabria che ha messo a disposizione n.6 pullmans per il trasporto, fino allo Stadio, con adeguata scorta, di circa settecento tifosi catanesi che erano giunti a Villa San Giovanni appiedati. Ed anche a tal proposito, il Questore ha evidenziato come nessuna situazione di criticità si sia registrata lungo l’ itinerario percorso dai pullmans né alcun danno ai mezzi sia stato provocato dai tifosi catanesi. Va ricordato che durante questo spostamento da Villa S.G. a Reggio Calabria e ritorno, un ruolo importante è stato svolto anche dall’ elicottero della Polizia di Stato che ha consentito di seguire dall’alto l’itinerario segnalando per tempo eventuali insidie. 
Altro dato importante sottolineato dal Questore è stato quello di aver effettuato un accurato controllo dei tifosi catanesi prima dell’ingresso all’ interno dell’impianto sportivo. Nessun petardo, fumogeno, oggetto o corpo contundente, è stato introdotto all’interno dello Stadio dai tifosi ospiti, i quali, nel tifare per la loro squadra, non hanno mai sconfinato al di là del lecito.         
Sulla presenza di qualche centinaio di tifosi catanesi nel settore Tribuna coperta il Questore ha ricordato che gli stessi erano in possesso di tagliando per quel settore regolarmente acquistato attraverso il circuito informatico di Ticket One. Ed altrettanto regolari sono i novanta tagliandi omaggio che la Società Reggina Calcio ha messo a disposizione della Società Catania Calcio. E tutto ciò in perfetta sintonia con la strategia tendente sempre più ad avere “stadi aperti” sul modello europeo, privi di barriere, con posti numerati e con tifosi che devono occupare esclusivamente il posto nel settore per il quale hanno acquistato il tagliando nominativo che consente, fra l’altro, l’immediata identificazione del possessore.     
Nonostante questa presenza di tifosi catanesi nel settore Tribuna coperta – a molti reggini apparsa come una pericolosa novità – non si sono registrate situazioni di criticità, grazie anche al lodevole impegno degli steward della Società Reggina Calcio presenti in congruo numero anche in quel settore.
Il Questore ha, poi, ricordato che lo spostamento dei tifosi reggini dal settore Curva Nord al settore GRADINATA è stato dagli stessi richiesto al Presidente Foti e da quest’ultimo accordato anche perché ciò non comportava alcuna difficoltà avendo il settore Gradinata numerosi posti liberi. 
Perfetta attuazione del dispositivo di ordine pubblico si è registrata alla fine della partita, allorquando, concluso il deflusso dei tifosi reggini, si è proceduto al trasporto dei tifosi ospiti fino a Villa San Giovanni con i pullmans dell’Atam  e, poi, a bordo delle navi dirette a Messina, senza che ci sia stato alcun contatto tra le opposte tifoserie.